Un grido di battaglia che ha coinvolto quasi 600 persone in appena due settimane

“Dillo a Micione” la pagina che segnala i disagi del comune di Capaccio-Paestum

Luogo in cui le segnalazioni diventano vere e proprie denunce sociali costruttive

Attualità
Cilento venerdì 13 aprile 2018
di Arturo Sica
dillo a micione
dillo a micione © unico

Nata da uno scambio di battute e da un’idea del cittadino capaccese Giacomo Iannuzzi , “Dillo a Micione” sta diventando un luogo in cui le segnalazioni diventano vere e proprie denunce sociali costruttive atte esclusivamente a risolvere i tanti problemi che affliggono il territorio di Capaccio-Paestum. La pagina non ha nessuna sfumatura di alcun colore politico e mira soprattutto a coinvolgere alcuni consiglieri dell’amministrazione al solo fine collaborativo.

Dalla messa in sicurezza di un marciapiede al ripristino del parchetto giochi sulla collinetta o alla segnalazione di una mini discarica o ancora al richiamo di solidarietà per famiglie in particolare disagio economico, “Dillo a Micione”rispecchia in toto il sentimento di una comunità che ha sempre più voglia di partecipare e di dare il proprio contributo.

Un grido di battaglia che ha coinvolto quasi 600 persone in appena due settimane che fotografano, scrivono e aspettano i risultati che puntualmente arrivano.

L’abilità di Giacomo sta nell'aver laicizzato la pagina e dunque scongiurato qualsiasi tipo di polemica politica talvolta sterile e inutile. Forse è proprio questa la Vera Politica.

Lascia il tuo commento
commenti