Vallo di Diano

ALI e Torquato Tasso raccolgono medicinali e presidi sanitari da destinare al Venezuela

Programma di Aiuto Umanitario PAHV, l’organizzazione no profit fondata negli Stati Uniti nel 2014 con l’obiettivo di dare un suo contributo all’emergenza sanitaria nel Paese

Cultura
Cilento mercoledì 13 giugno 2018
di Antonella Citro
Venezuela - Italia
Venezuela - Italia © n. c.

L’associazione latinoamericana in Italia ALI dal 2015 scende in campo per sostenere la popolazione del Venezuela che ormai da tempo vive una crisi umanitaria e sanitaria e lo fa sostenendo il Programma di Aiuto Umanitario PAHV, l’organizzazione no profit fondata negli Stati Uniti nel 2014 con l’obiettivo di dare un suo contributo all’emergenza sanitaria nel Paese. Ciò avviene attraverso la raccolta e spedizione di medicinali e presidi sanitari. La Società Operaia Torquato di Sala Consilina si è mostrata subito sensibile a sostenere il progetto che guarda al deficit di farmaci e presidi sanitari che oggi raggiunge il 90% a livello nazionale. ALI con oltre 62 istituzioni, fondazioni e centri ospedalieri riceve le donazioni che in quasi 3 anni hanno permesso di inviare più di 800 tonnellate di aiuti, chiarisce il presidente Michele Calandriello. In Italia questa attività raccoglie 29 centri di raccolta in diverse città italiane con più di 200 volontari per lo più cittadini italo – venezuelani sensibili alla disperata situazione del Paese. Dall’Italia sono stati spediti circa 7 tonnellate di medicine grazie all’aiuto di tanti italiani, medici, infermieri, sacerdoti e religiose. Il Presidente di ALI in Italia, Leonardo Leombruni parla del grande aiuto della Caritas Italia, della Fondazione Banco Farmaceutico, Le Medicine di Grottaferrata e alcune Onlus. A Sala Consilina la raccolta viene effettuata nei locali ubicati al di sotto della Chiesa di sant’Anna dove Felicina Flammia e Michele Paladino della Misericordia Donatori di Sangue coordinano da volontari le operazioni.

Vuoi scoprire in anteprima tutte le notizie del nostro giornale?
Clicca QUI per abbonarti all'edizione digitale

Lascia il tuo commento
commenti