I volontari pattuglieranno la costa del Cilento

Tartarughe marine, quale futuro?

Le tartarughe marine sono a rischio estinzione. Caretta caretta ha inaugurato la stagione estiva con le prime nidificazioni

Ambiente
Cilento domenica 28 giugno 2020
di Anais Di Stefano
Volontari Enpa a lavoro
Volontari Enpa a lavoro © Tartarughe Marine in Campania

Ospiti abituali, le tartarughe marine ormai popolano le nostre spiagge. In particolare, la specie Caretta caretta che ha trovato l'habitat giusto in Cilento per nidificare indisturbata. I volontari Enpa - Ente Nazionale Protezione Animali - effettueranno il pattugliamento spiagge per tutto il mese di luglio. Tengono, altresì, incontri per sensibilizzare i cittadini sulla tutela dell’ambiente. Ne abbiamo approfittato, così, per chiedere a Chiara Roncari, biologa marina e volontaria Enpa, qual è l'attuale situazione delle tartarughe marine, minacciate costantemente da pesca e inquinamento.

Data la nuova minaccia, rappresentata da guanti e mascherine, qual è il loro futuro?

Le Tartarughe marine sono già a rischio estinzione per l’ingestione di rifiuti plastici, soprattutto macroplastiche, cioè pezzi di plastica di dimensioni superiore ai 5mm. Questo causa loro l’occlusione del tratto gastrointestinale e problemi metabolici, perché questi materiali rimangono in acqua molto tempo e accumulano sostanze inquinanti che vengono rilasciati all’interno dell’animale. Per una specie già vulnerabile è un gran problema. Le nuove normative Covid-19 non consentono neppure alle spiagge di attrezzarsi con materiali plastic free.

Qual è il vostro ruolo?

Noi volontari ci occupiamo di quegli esemplari adulti recuperati in situazioni di difficoltà. Per esempio, in mare mentre galleggiano in uno stato debilitato. Gestiamo le segnalazioni dei bagnanti o dei gestori dei lidi quando vengono rintracciati sulle spiagge. Per i piccoli monitoriamo le spiagge mattina e sera; ne seguiamo le tracce o individuiamo la tartaruga mentre nidifica. Così da portarle in sicurezza grazie alla supervisione della Stazione Zoologica Anton Dohrn.

Ci sono altri nidi nel territorio attualmente?

I primi di giugno c’è stata la nidificazione ad Ascea, località Scogliera. Altre conferme si sono verificate a Caprioli (Pisciotta). Altra nidificazione si è verificata domenica 21 giugno a Cala del Cefalo, Marina di Camerota. Ci sono state segnalate tracce di risalita anche a Palinuro, perché questi esemplari possono risalire sulle spiagge a perlustrare il nido, così da capire se è idoneo per deporre le uova.

Lascia il tuo commento
commenti