Quando l'attuale vicesindaco Auricchio era all'opposizione.

Intervista ad un consigliere dell'opposizione

Ritengo superfluo dare ulteriori informazioni sulla mia persona perchè, proprio per il mio modo di far politica tra la gente, tutti conoscono il mio impegno per la comunità.

Archivio storico
Cilento mercoledì 18 agosto 2021
di Fabiola Scorziello
Girolamo Auricchio
Girolamo Auricchio © web

Nel 1995 l'attuale vicesindaco Auricchio era nei banchi dell'opposizione, riportiamo una sua intervista della prima edizione dell'Informatore Comunale.

Sig. Auricchio si presenti come persona ai nostri lettori.

Sono dipendente della Comunità Montana del Calore Salernitano, dove svolgo le funzioni di responsabile dell'ufficio ragioneria. Sono consigliere comunale di Roccadaspide dal 1970 e ho ricoperto l'incarico di vicesindaco e di assessore ai lavori pubblici. Sono stato presidente dell'U.S.L.58 dal 1977 fino al 1991.Sono tutt'ora Consigliere Provinciale e ricopro il ruolo di assessore alle finanze. Ritengo superfluo dare ulteriori informazioni sulla mia persona perche', proprio per il mio modo di far politica tra la gente, tutti conoscono il mio impegno per la comunità.

Signor Auricchio, lei è a capo dell'opposizione nel consiglio comunale che giudizio dà di questo periodo di amministrazione dell'attuale maggioranza?

Completamente inesistente, insufficiente, dire qualcosa in più sarebbe superfluo. Anzi, voglio segnalare come ultimo dato, la rotazione degli assessori che denotano problemi di tenuta della maggioranza.

Lei che è stato amministratore a Roccadaspide da venticinque anni e quindi ha vissuto in prima persona tutte le vicende politico amministrative, può indicarci le cause che hanno portato a questo disastro sulla questione ospedale?

Non è un disastro. Il problema è uno solo: la mancata approvazione nei tempi previsti, della parte organica da parte della Regione Campania. Questo atto amministrativo da me predisposto quando ero presidente dell'U.S.L. 58 di Roccadaspide, è stato bloccato da problemi di spartizione da parte dei maggiori partiti politici presenti in Regione ai tempi. Intanto bisogna agire, è indispensabile che l'ospedale venga inserito nel piano ospedaliero Regionale. Per questo mi sto attivando. Comunque, nel prossimo numero, sarebbe interessante pubblicare tutta la cronistoria dell'ospedale, dalla sua ideazione ai giorni nostri. Io posso mettere a disposizione tutta la documentazione necessaria e voi la ordinate e la pubblicate.

Signor Auricchio, lei ci dia questa documentazione e noi ci lavoreremo sopra. Dopo la scomparsa del suo partito, la D.C., dalla scena politica nazionale, lei in quale partito o gruppo si colloca attualmente?

Ho aderito al P.P.I. Ma la cosa più importante in questo momento è il mio impegno personale per realizzare il processo sociale, economico e civile delle nostre zone.

A parte la questione dell'ospedale trattata prima, a suo parere, quali sono le questioni più urgenti che il comune dovrebbe affrontare nella seconda parte della legislazione?

Al primo posto metterei il Piano Regolatore Generale, non solo per risolvere i problemi legati all'edilizia o creare altre aree edificabili, ma soprattutto per organizzare in modo più funzionale l'arredo urbano, elemento basilare per rendere più vivibile il paese. E' urgente affrontare il problema delle fognature nelle zone rurali. Relativamente all'emergenza idrica invece, bisogna accelerare l'attivazione del serbatoio fi Fonte per assicurare l'acqua alle zone rurali. Poi c'è da trovare il modo per avviare il servizio decentrato dell'I.N.P.S. ancora alla ricerca di una sede dopo quattro anni dalla decisione di istituire a Roccadaspide una sede decentrata. Non corriamo il rischio che si rimangino la decisione.

Lei, come consigliere provinciale è il nostro rappresentante alla provincia, vuole illustrare brevemente gli interventi che l'Amministrazione Provinciale sta attuando nel nostro Comune?

L'amministrazione Provinciale ha fatto uno sforzo enorme in termini d'investimenti nel nostro comune, guardiamo le cifre:  -Completamento della strada Roccadaspide-Monteforte per un importo di due milioni, entro Aprile la gara di appalto. -Completamento Liceo, con la creazione dell'ala destinata all'I.T. , oltre alle aule è prevista la costruzione della palestra e di un auditorium. L'importo del finanziamento è di tre miliardi e cento milioni. -Sempre in tema di istruzione c'è da segnalare la trasformazione dello stesso Istituto Tecnico per meccanici in informatica e telecomunicazioni.- Infine segnalo la decisione della Provincia di allocare a Roccadaspide la sede decentrata dell'U.M.A. (ufficio motori agricoli).Quest'ufficio servirà un quarto dell'utenza di tutta la Provincia di Salerno, 32 comuni per un numero di utenti di 10.067. L'U.M.A. avrà la sede nei locali dell'ex guardia medica.

L'ultima domanda riguarda il nostro giornale, cosa ne pensa?

Penso sia positivo che nasca un giornale. Quando si ha la possibilità di portare a conoscenza dei cittadini, per iscritto, gli atti e le decisioni di chi amministra, si fa un passo avanti decisivo nello sviluppo della democrazia. 

 

 

Lascia il tuo commento
commenti