Il Sindaco Adamo Coppola: "Una collaborazione destinata a crescere"

Tutto il fascino del Veliero “Signora del vento”

Incontro istituzionale tra il Comune di Agropoli e i dirigenti dell’Istituto Nautico "Caboto" a bordo del secondo veliero più grande d’Italia. Fascino e prestigio di una nave davvero senza tempo

Attualità
Cilento mercoledì 23 maggio 2018
di Enrico Serrapede
Il veliero
Il veliero "Signora del Vento" in rada ad Agropoli © Unico

Basta avvicinarsi con il Tender per capire subito la bellezza del veliero “La Signora del vento” che, da qualche settimana a questa parte è spesso ospite in rada della città di Agropoli. Uno spettacolo per tutti frutto dei rapporti di collaborazione tra il Comune di Agropoli e l’Istituto Nautico “Caboto” di Gaeta, rapporti rafforzati nella giornata di martedì quando si è tenuto un incontro istituzionale con la presenza di quasi tutta la Giunta arrivata da Palazzo di Città, la dirigente scolastica dell’Istituto Nautico laziale, Maria Rosaria Valente, la dirigente scolastica dell’I.I.S: “Vico-De Vivo” di Agropoli, Maria Teresa Pane, oltre agli alunni (a bordo erano i quattro con i migliori voti di tutte le classi quarte) dell’Istituto di Gaeta. “E’ un vero piacere – ha detto il primo cittadino a nome di tutti i componenti dell’Amministrazione intervenuti – avervi qui, ad Agropoli, siamo felici di poter portare avanti una collaborazione funzionale a fare del nostro porto il luogo di studio per i tanti ragazzi che hanno scelto di essere i capitani e i comandanti di domani. Un lavoro certamente difficile, duro, ma allo stesso tempo affascinante. Siamo a vostra disposizione per fare in modo che questa nostra collaborazione possa crescere e migliorarsi sempre di più nel tempo”. Alle parole del sindaco si sono aggiunte quelle del vicesindaco, della Dott.ssa Elvira Serra: “Questa nave ha viaggiato nei mari del mondo, è un gioiello. Ci complimentiamo con chi ha deciso di trasformarla in modello per i giovani, un modello di insegnamento che predica rispetto per il mare”.

“Il veliero – ha invece aggiunto la dirigente Maria Rosaria Valente - è stato donato attraverso un progetto dei laboratori territoriali per l’occupabilità, dalla Società M.Ar.Te. (Mare Aria Terra) della Uliveto e Rocchetta. Si è provveduto poi alla messa in sicurezza della Signora del Vento – ha precisato - che è diventata operativa dall’agosto 2017. Viene utilizzata, per progetti di alternanza scuola-lavoro, di questo ne siamo felici e onorati sia per i nostri alunni, ma anche per tutti gli altri studenti degli Istituti nautici: stanno infatti partecipando ai progetti, scuole di tutta Italia. Siamo aperti a qualsiasi collaborazione, quindi invitiamo anche gli alunni dell’Istituto “Vico-De Vivo” a prendere parte ad una esperienza unica, il prossimo anno scolastico. Ringraziamo – ha concluso – l’Amministrazione per tutto quanto fa per noi”. A spiegare invece i segreti della nave è stato ovviamente il Capitano Matteo Marcello Grimaldi lunga 85 metri e nata nei cantieri polacchi e varata nel 1962. La Signora del Vento è un veliero a tre alberi con una superficie velica di oltre 3000 mq che nasce in Polonia nel 1962 e opera per circa 30 anni nei mari del Nord. A partire dagli anni ’90 il veliero viene impiegato come Nave Scuola nei mari di tutto il mondo, partecipando ad innumerevoli raduni di navi a vela. Nel 2006 la S.I.N., Società Italiana di Navigazione, la acquista cogliendone le grandi potenzialità e la ristruttura completamente. Viene così adeguata agli altissimi standard di sicurezza necessari all'ottenimento della bandiera italiana e all'iscrizione nei Registri Italiani seguendo la normativa SOLAS del RINA. Con i suoi 85 metri f.t., è il secondo veliero italiano più grande dopo la “Amerigo Vespucci” della Marina Militare e mantiene tutto il fascino dell'andar per mare che ha caratterizzato i millenni della storia umana. Dopo aver navigato per decenni nei mari del nord e nei Caraibi, nel 2006 giunge nel Mediterraneo come un navigante del passato che ritorna nei suoi mari dopo aver scoperto nuove terre e nuovi mondi, per raccontarci la sua storia. Insomma, quella del veliero “Signora del vento” è un’esperienza tutta da vivere. Davvero fantastica. E proprio per questo il Comune di Agropoli sta già pensando, in accordo con l’entourage della nave, di aprire al più presto un percorso di visita all’intero di uno dei velieri più prestigiosi della nostra penisola.

Vuoi scoprire in anteprima tutte le notizie del nostro giornale?
Clicca QUI per abbonarti all'edizione digitale

Lascia il tuo commento
commenti