SABATO 9 FEBBRAIO ALLE 17:30 - SALONE D’ONORE DEL CASTELLO DELL’ABATE

TRATTI DI RISORGIMENTO: I MOTI DEL 1848 NEL CILENTO

Sabato 9 febbraio alle ore 17:30 all’interno del salone d’onore del Castello dell’Abate si terrà un dibattito che toccherà vari temi relativi al periodo storico 1848-1868.

Attualità
Cilento mercoledì 06 febbraio 2019
di La Redazione
Moti del 48 - convegno Castellabate
Moti del 48 - convegno Castellabate © Unico

Il Risorgimento sarà il tema centrale del convegno organizzato dal comune di Castellabate e da quello di Vibonati nell’ambito della partecipazione alla manifestazione “Abbasso il Re! Viva il Re!”, nata per celebrare il 170° anniversario dei Moti del 1848. Sabato 9 febbraio alle ore 17:30 all’interno del salone d’onore del Castello dell’Abate si terrà un dibattito che toccherà vari temi relativi al periodo storico 1848-1868. A seguire verrà inaugurata la mostra documentaria animata “Tratti di Risorgimento” con le opere artistiche del pittore e scultore vibonatese Emanuele Lione, allestita nelle sale espositive del Castello dell’Abate e visitabile fino al 16 febbraio. Interverranno, per i saluti istituzionali, l’assessore alla cultura del comune di Vibonati Genny Gerbase e il Sindaco del comune di Castellabate Costabile Spinelli. Si entrerà nel vivo dei contenuti con le relazioni del professor Gennaro Malzone su “La rivolta del 1848 a Castellabate”, il professor Vincenzo Caputo sul tema “Cause prossime e remote dell’emigrazione nel periodo post-unitario”, il professor Vincenzo Abramo sull’argomento “Le masse e i liberali nei moti del 1848”.

L’assessore al turismo e alla cultura Luisa Maiuri, commenta l’iniziativa: «Sarà un momento di riflessione su un periodo storico ma soprattutto sui nostri territori, i comuni del Cilento che si sono distinti per la loro partecipazione attiva ai moti insurrezionali del ‘48. Un’epoca avvincente che verrà magistralmente illustrata da docenti e storici locali che attingeranno dalle loro pubblicazioni sul tema, frutto di una seria e appassionata attività di ricerca».

Lascia il tuo commento
commenti