Possono essere consegnate alla sede di Sala Consilina in via Mezzacapo nei locali sottostanti alla chiesa di Sant’Anna, anche le confezioni aperte e non completamente piene

Al via la raccolta farmaci per le popolazioni sudamericane

«Tutti coloro che vogliono contribuire a questa iniziativa possono consegnare i prodotti da devolvere presso la nostra sede», afferma uno degli organizzatori Benedetto Mazzariello.

Attualità
Cilento giovedì 11 aprile 2019
di Antonella Citro
Al via la raccolta farmaci per le popolazioni sudamericane
Al via la raccolta farmaci per le popolazioni sudamericane © Unico

La Misericordia del Vallo di Diano in collaborazione con ALI – l’associazione italo venezuelana – partecipa alla raccolta, classificazione ed invio dei farmaci in Sudamerica, farmaci ovviamente non scaduti. Possono essere consegnate alla sede di Sala Consilina in via Mezzacapo nei locali sottostanti alla chiesa di Sant’Anna, anche le confezioni aperte e non completamente piene. «Tutti coloro che vogliono contribuire a questa iniziativa possono consegnare i prodotti da devolvere presso la nostra sede», afferma uno degli organizzatori Benedetto Mazzariello. Anche Michele Paladino del Gruppo Fratres – donatori di sangue spiega l’iniziativa che, già l’anno scorso, ha visto muoversi tante famiglie le quali, in segno di vicinanza, hanno donato farmaci a favore delle popolazioni d’oltreoceano in difficoltà. «Abbiamo voluto ricordare il bisogno e la necessità di questi popoli dell’America latina in particolare il Venezuela – dice – dove c’è necessità di tutto a causa della grave crisi umanitaria. Fratres allora da concretamente un aiuto volontario all’associazione ALI in Italia come punto di riferimento e siamo aperti alla raccolta di medicine e altri presidi come pannolini, biberon, succhi di frutta, omogeneizzati per bambini. Se la gente volesse donare tutto ciò e anche di più come medicine che stanno per scadere ma sono in buono stato, ben volentieri lo accetteremmo. Poi prima di spedirle in America latina, in sede, facciamo una cernita. Ci affidiamo perciò al buon cuore e alla disponibilità di tutti per essere appunto d’aiuto». Insomma la raccolta dei farmaci non ha scadenza e l’appello è quello di donare anche antibiotici, antipiretici e tutto ciò che è necessario ad ampio spettro.

Lascia il tuo commento
commenti