I Presidenti Nicodemo e Santini: “Un segnale di rinascita e di continuazione”

Emergenza Covid 19, VII Circoscrizione e Leo Club donano mascherine al “Pomponio Leto” di Teggiano

"La ripartenza secondo me deve iniziare proprio dai giovani e quindi dagli studenti che saranno impegnati nel prossimo esame di maturità. A tal proposito ho pensato fosse opportuno rifornire delle mascherine docenti e allievi"

Attualità
Cilento sabato 23 maggio 2020
di Antonella Citro
VII Circoscrizione e Leo Club al “Pomponio Leto” di Teggiano
VII Circoscrizione e Leo Club al “Pomponio Leto” di Teggiano © Unico

Il Lions Club e il Leo Club Sala Consilina Vallo di Diano si sono resi protagonisti di importanti donazioni che oggi, al tempo del coronavirus, sembrano essere proprio indispensabili. Ne abbiamo parlato con Walter Nicodemo che è Presidente della VII Circoscrizione: “Abbiamo ricevuto dal Governatore Nicola Clausi un set di mascherine da donare sul territorio di appartenenza - dice - molti miei colleghi, presidenti di circoscrizione, si sono orientati su altri fronti. Io invece ho ritenuto di dare molta importanza alla ripartenza che secondo me deve iniziare proprio dai giovani e quindi dagli studenti che saranno impegnati nel prossimo esame di maturità. A tal proposito ho pensato che fosse opportuno rifornire delle mascherine che ci sono state date in dotazione docenti e allievi del Pomponio Leto di Teggiano. Ciò è potuto accadere grazie all’ausilio del Leo Club che li ha visti impegnati anche loro nella donazione. È stato un gesto molto importante”. Poi continua: “Abbiamo dovuto circoscrivere le nostre donazioni a non molti istituti perché sarebbe stato un impegno troppo esoso anche da parte nostra però diciamo che il nostro rammarico è quello di non poter accontentare tutti. Cercheremo pertanto di donare ad altri istituti scolastici altre mascherine nei prossimi giorni. Intanto tutti sono stati contenti di aver ricevuto le nostre mascherine, un gesto che mi fa sentire ancora più orgoglioso di essere un Lions e di condurre importanti iniziative”. Il Presidente Walter Nicodemo ritorna sull’argomento: “Proprio in queste piccole cose, le scuole possono trovarsi in difficoltà, cioè non riescono a fornire mascherine e guanti e, per questo, con un nostro piccolo contributo potevamo andare incontro alla scuola e ai dirigenti almeno con la donazione di dispositivi di protezione individuale. Noi ci stiamo attivando in tutti i modi. Tutti i Club della Circoscrizione e anche a Salerno si stanno muovendo in un’autentica gara di solidarietà dimostrando una generosità senza eguali. Dove c’è bisogno, ci sono i Lions!”. Alle parole di Walter Nicodemo si aggiungono quelle di Martina Santini, Presidente Leo Club Sala Consilina Vallo di Diano. “Abbiamo dovuto adeguare le nostre attività come giovani appartenenti a un sodalizio di caratura internazionale - afferma - visto che siamo da sempre attivi sul territorio, abbiamo cercato di indagare quelle che potevano essere le problematiche e le necessità del posto relativamente all’emergenza Covid 19, abbiamo perciò donato mascherine alla Scuola Superiore Pomponio Leto di Teggiano. Lo abbiamo fatto perché volevamo dare un segnale positivo di rinascita e di continuazione, abbiamo deciso così di donare questi dispositivi alla scuola in vista dei prossimi esami di stato. Abbiamo voluto fare questo regalo agli alunni”. Inoltre è in calendario anche la donazione di un ventilatore polmonare, un macchinario essenziale del quale c’è bisogno soprattutto adesso per andare ad implementare le strumentazioni già in dotazione al presidio ospedaliero “Luigi Curto” di Polla. I giovani Leo così diventano punto di riferimento indiscusso per il Vallo di Diano e non solo, rispettando la mission del We Serve, ci si confronta volentieri con quelle che sono le necessità del territorio. “È un modo per sentirci utili e per far parte realmente in tutto e per tutto di questo territorio – dice ancora la giovane Martina Santini – per le cose belle e per quelle meno belle, per i momenti di necessità visto che questo appunto è un momento di necessità per la nostra area, per la nostra Nazione, per l’intero mondo. Noi lo viviamo nel Vallo di Diano ed è giusto intervenire qui dopo esserci interrogati su quali potevano essere le problematiche e di cosa aveva più bisogno il Vallo. Ci siamo concentrati qui e per noi è un motivo anche di orgoglio poter aiutare casa nostra anche con piccoli gesti che però sembrano fare la differenza”.

Antonella Citro

Lascia il tuo commento
commenti