L'intervento andrà a integrarsi con altri progetti strategici avviati dall' Amministrazione in questa parte di territorio comunale

PRESENTATI I NUOVI INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE ALL'EX STABILIMENTO CIRIO DI PAESTUM

ZUCHTRIEGEL: COSTRUIAMO UN POLO CULTURALE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO.

Comunicati stampa
Cilento venerdì 31 luglio 2020
di La Redazione
PRESENTATI I NUOVI INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE ALL'EX STABILIMENTO CIRIO DI PAESTUM
PRESENTATI I NUOVI INTERVENTI DI VALORIZZAZIONE ALL'EX STABILIMENTO CIRIO DI PAESTUM © Unico

Riflettori puntati sull'ex stabilimento della Cirio: questo pomeriggio nel Museo di Paestum è stato presentato il progetto per il restauro e il riallestimento del museo del santuario di Santa Venera e per la riqualificazione dell'ex fabbrica di pomodori, esempio di archeologia industriale. In programma la realizzazione di un polo culturale strettamente connesso all'area archeologica e al Museo di Paestum che sarà centro di informazione e di accoglienza per i visitatori e che ospiterà eventi di arte contemporanea, mostre e manifestazioni, depositi visitabili, un auditorium, un centro di studi e ricerca e diversi approfondimenti sul patrimonio immateriale, sulle tradizioni locali e sul paesaggio; altra specificità del nuovo polo sarà quella di confrontare archeologia classica e archeologia industriale.

Positivi i pareri di tutti gli enti amministrativi coinvolti nella conferenza di servizi che ha dato il via libera al bando di gara per i lavori.

Al tavolo dei relatori, il direttore del Parco Archeologico di Paestum e Velia, Gabriel Zuchtriegel; il sindaco di Capaccio-Paestum, Franco Alfieri; il responsabile unico del procedimento e architetto del MiBACT, Annamaria Mauro; i progettisti Marco Magni e Giuseppe Lo Presti dello studio Guicciardini & Magni Architetti.

"L'ex fabbrica di pomodori Cirio è un'icona della città di Paestum – dichiara il direttore del Parco, - fu costruita a partire dal 1907 in località Santa Venera, in parte sulle antiche strutture di un santuario dedicato ad Afrodite-Venere e riportate alla luce in più campagne di scavo nel secolo scorso. Oggi l'edificio è di proprietà dello Stato e rientra nella competenza del Parco Archeologico di Paestum e Velia, come stabilito dalla riforma Franceschini nel 2014. Un progetto lungimirante e innovativo che pone al centro il territorio e il suo sviluppo, pensato in un'ottica di sostenibilità. Immaginiamo un polo che sia elemento di aggregazione sociale e culturale dell'intera comunità che da sempre ha visto la Cirio come un'opportunità di miglioramento. I lavori, inoltre, rappresentano un importante tassello per la riqualificazione urbana e per il potenziamento delle infrastrutture comunali, per cui ringrazio il sindaco di Capaccio-Paestum, Franco Alfieri per la costante collaborazione. In programma anche una maggiore accessibilità e fruizione del santuario di Afrodite che era tra i più importanti della Poseidonia antica".

Il progetto è finanziato con Fondi Cipe per un importo totale di € 20 milioni di euro di cui € 1.100.000 riservati alla progettazione che è stata affidata con procedura di gara gestita da Invitalia allo studio Guicciardini & Magni. La restante parte del finanziamento è destinata ai lavori. Il progetto prevede la realizzazione di nuovi servizi per i visitatori e per gli addetti ai lavori tra cui bookshop, laboratori didattici, sale espositive e depositi archeologici visitabili; inoltre verranno sistemati gli spazi esterni con aree di sosta e parcheggi. Attenzione sarà riservata al miglioramento dei percorsi interni e al rifacimento dei sistemi impiantistici.

Nella presentazione di oggi pomeriggio anche il sindaco Alfieri ha colto l'occasione per presentare il piano dei lavori pubblici in programma al Comune di Capaccio-Paestum.

"Lo stabilimento ex Cirio rappresenta un bene ricco di potenzialità. Anche per questo, la Comunità di Capaccio Paestum attendeva da lungo tempo l'avvio di un concreto processo di valorizzazione. Oggi, finalmente, quel giorno è arrivato – commenta il sindaco Alfieri. - È importante sottolineare che l'intervento andrà a integrarsi con altri progetti strategici avviati dalla nostra Amministrazione in questa parte di territorio comunale. Penso, in primo luogo, a quello relativo all'anello ciclopedonale che correrà lungo le mura della città antica; un intervento in collegamento con la pista ciclabile intercomunale, il cui progetto è stato recentemente candidato a finanziamento su fondi MIT. Non tralascerei assolutamente gli interventi di miglioramento della mobilità urbana, a partire dai lavori di riqualificazione di via Magna Grecia e dal progetto del nuovo sottopasso ferroviario, che renderanno più semplice e razionale la viabilità nella zona di Paestum. Desidero infine sottolineare l'ottimo livello di cooperazione istituzionale fra Comune di Capaccio Paestum e Parco Archeologico di Paestum e Velia, reso possibile anche dalla sincera apertura al confronto e al lavoro comune dimostrata dal direttore Gabriel Zuchtriegel".

Lascia il tuo commento
commenti