La città più colpita dal problema senzatetto è Milano, con più di 12.000 utenti.

Clochard: un po' di storia

Clochard è una parola francese che vuol dire persone senzatetto, senza casa o senza fissa. Comunemente chiamate barboni, sono persone che per lungo tempo non hanno un luogo fisso di residenza.

I Piccoli
Cilento lunedì 15 febbraio 2021
di La Redazione
Clochard, disegno
Clochard, disegno © Unico

La condizione dei senza casa è più visibile nelle aree povere delle grandi città e in quelle suburbane, anche se essi spesso coesistono più o meno visibilmente dentro comunità dove i residenti non sono poveri. Il termine legale senza fissa dimora è spesso usato ufficialmente come alternativa a persona senza casa o senzatetto.

Sono frequenti ogni anno, gli eventi di persone morte a causa del freddo, per rifiuto o per insufficiente disponibilità di posti-letto nei centri di accoglienza, e per la mancanza di beni primari poco costosi e facilmente reperibili, come un kit di sopravvivenza ed una coperta termica.

La città più colpita dal problema senzatetto è Milano, con più di 12.000 utenti. Segue Roma con quasi 8.000 persone senza fissa dimora. Poi Palermo ne conta circa 3.000, Firenze circa 2.000, e Torino più di 1900.

Il numero di persone senza casa nel mondo è cresciuto rapidamente negli anni recenti. In alcune nazioni del Terzo Mondo come Brasile, India, Nigeria, e Sudafrica, la condizione dei senza casa è eclatante, con milioni di bambini che vivono, giocano e lavorano per strada. Il problema dei senzatetto persiste in modo opprimente nelle città della Cina, Thailandia, Indonesia, e nelle Filippine, a dispetto della loro crescente prosperità, principalmente dovuto a lavoratori migratori provenienti dalle campagne che hanno problemi per trovare un'abitazione permanente e per il crescente aggravarsi delle disparità di reddito tra le classi sociali. Gli unici paesi senza o con ridottissimi numeri di senzatetto sono principalmente i paesi del golfo (Qatar, Emirati Arabi Uniti, Kuwait) e Singapore, soprattutto grazie al clima estremamente arido o umido, alla fiorente economia, al sistema "Asiatico" di welfare, alla stringente politica migratoria e al sistema "Ginta" che fornisce una fonte di reddito anche a chi non può lavorare (nei paesi del golfo).

In Australia i senza tetto non sono definite solo le persone senza casa, ma anche coloro che non hanno un alloggio sicuro e una vita precaria. 

In India vi è il fenomeno dei domiciliati sui marciapiedi che occupano uno spazio preciso di marciapiede nei loro ricoveri improvvisati.

 

Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Febo Apollo ha scritto il 15 febbraio 2021 alle 19:30 :

    Sono un'onta indelebile per questo mondo e questa società che si fregiano della. millantata qualifica di"civili ". Rispondi a Febo Apollo