Anche la parola italiana "febbre" condivide la stessa origine, in quanto gli antichi romani leggevano nei sintomi della febbre un processo di purificazione all'interno del corpo.

Febbraio: scherzoso, corto o amaro?

Il nome viene dal latino e trae le sue origini dalle tradizioni religiose degli antichi Romani.

I Piccoli
Cilento giovedì 18 febbraio 2021
di La Redazione
Febbraio: scherzoso, corto o amaro?
Febbraio: scherzoso, corto o amaro? © web

Il nome del mese proviene dal latino februarius, che a sua volta deriva dall'aggettivo februus, "purificante", "che purifica". Anche la parola italiana "febbre" condivide la stessa origine, in quanto gli antichi romani leggevano nei sintomi della febbre un processo di purificazione all'interno del corpo.

E in effetti non avevano tutti i torti...

Secondo il calendario romano, febbraio era l'ultimo mese dell'anno e veniva dedicato alla dea Febris, protettrice della febbre purificatrice e versione latina del dio etrusco Februus.

In questo periodo dunque, per propiziare l'arrivo di un nuovo anno colmo di fortuna e prosperità, l'intera popolazione romana si dedicava a riti e funzioni religiose volte alla purificazione del corpo e dello spirito.

Perfino gli edifici e le strade venivano ripuliti di fino in modo da entrare nel nuovo anno senza macchie, sia reali che metaforiche!

Curiosità

Lo sapevi che, negli anni normali, febbraio inizia lo stesso giorno della settimana di marzo e novembre? Negli anni bisestili invece, quando è di 29 giorni, febbraio comincia il medesimo giorno in cui inizia agosto.

Lascia il tuo commento
commenti