Greta, simbolo di una lotta generazionale, si è rivolta ai potenti del mondo con un accorato appello per riportare le potenze politiche ed economiche di tutto il mondo di fronte alle loro responsabilità

Greta Thunberg all'ONU

Al Climate Action Summit, il vertice dei governi mondiali per ridefinire le strategie da adottare per arrestare gli effetti del cambiamento climatico tenutosi il 23 settembre al Palazzo di Vetro di New York.

I Piccoli
Cilento domenica 29 settembre 2019
di La Redazione
Greta Thunberg ONU
Greta Thunberg ONU © web

Greta Thunberg, l'attivista svedese che ha scosso il mondo per dire stop al cambiamento climatico, ha pronunciato un duro discorso davanti alle Nazioni Unite: "Se fallirete, non ve lo perdoneremo mai… Il mio messaggio è che vi terremo d'occhio”.

Al Climate Action Summit, il vertice dei governi mondiali per ridefinire le strategie da adottare per arrestare gli effetti del cambiamento climatico tenutosi il 23 settembre al Palazzo di Vetro di New York, Greta, simbolo di una lotta generazionale si è rivolta ai potenti del mondo con un accorato appello per riportare le potenze politiche ed economiche di tutto il mondo di fronte alle loro responsabilità, attaccando con durezza le insufficienti misuri adottate fino ad oggi.

Quando la speaker le ha chiesto cosa intendesse dire ai "potenti" del mondo…

Greta ha risposto: “Il mio messaggio è che vi terremo d’occhio. È tutto sbagliato. Non dovrei essere qui, dovrei essere a scuola, dall’altro lato dell’Oceano. Eppure venite a chiedere la speranza a noi giovani? Come osate? Avete rubato i miei sogni e la mia infanzia con le vostre parole vuote, e io sono tra i più fortunati. Le persone stanno soffrendo, stanno morendo. Interi ecosistemi stanno collassando. Siamo all’inizio di un’estinzione di massa. E tutto ciò di cui parlate sono soldi e favole di eterna crescita economica? Come osate? Per oltre 30 anni la scienza è stata chiarissima. Come osate continuare guardare dall'altra parte e venire qui dicendo che state facendo abbastanza quando le politiche e le soluzioni necessarie non si vedono ancora. Dite di ascoltarci e che capite la nostra fretta. Ma non importa quanto io sia triste o arrabbiata, non voglio crederci. Perché se aveste davvero compreso la situazione e continuaste comunque a sbagliare, allora voi sareste il Male. E io non voglio crederlo. […] Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a capire il vostro tradimento, gli occhi di tutte le generazioni future sono su di voi, e se sceglierete di fallire non vi perdoneremo mai. Non vi permetteremo di gettare via tutto questo. Proprio qui, proprio ora noi tracciamo la strada. Il mondo si sta svegliando e il cambiamento sta arrivando, che vi piaccia o no”.

Lascia il tuo commento
commenti