Anche i bambini possono studiare filosofia?

​Platone va a scuola

La mente dei bambini è altamente filosofica. Sono capaci di pensieri e riflessioni profondi e spontanei. Non si accontentano mai della prima risposta che viene data, anzi: sono alla continua ricerca di un sapere più completo.

I Piccoli
Cilento mercoledì 09 ottobre 2019
di La Redazione
Filosofia
Filosofia © web

L’esperienza di Alba Sala, insegnante della scuola primaria “Bartolomeo Calchi” di Calco (Lecco).

La mente dei bambini è altamente filosofica. Sono capaci di pensieri e riflessioni profondi e spontanei. Non si accontentano mai della prima risposta che viene data, anzi: sono alla continua ricerca di un sapere più completo per dare un senso al mondo.

LA COMPETENZA A ESISTERE

È una materia che emoziona: leggere Platone o conoscere Aristotele è affascinante, riempie l’anima.

Inoltre è perfetta per sviluppare negli alunni il senso critico che nasce dal pensiero profondo e non superficiale. Conoscendo i filosofi e il loro pensiero si impara che ci sono sempre più verità, mai una sola. L’abilità che sviluppano è quella di imparare a vivere. Una volta ho letto da qualche parte che nella scuola delle competenze si dimentica quella più importante: la competenza a esistere. Ecco, in questo la filosofia è davvero di aiuto. Inoltre questa meravigliosa disciplina educa alla democrazia: tutti i nostri pensieri hanno diritto di cittadinanza nelle nostre menti!

PLATONE E IL SIMPOSIO

Ho scelto di raccontare una delle mie lezioni, quella su Platone. Il suo dialogo più famoso, il Simposio, è un inno all’amore: un argomento che coinvolge molto i bambini. Dopo aver fatto travestire i giovani filosofi da antichi Greci con le tuniche ricavate dalle lenzuola lasciate in dote dalla mia povera nonna, dopo esserci tolti le scarpe per emulare il grande Socrate, maestro di Platone, che girava sempre a piedi nudi, dopo aver risolto piccoli quesiti matematici (sulla porta dell’Accademia ad Atene erano scritte queste parole: «Non entri chi non è matematico»), dopo aver scritto in greco antico i nomi di tutti i bambini, ci addentriamo nel dialogo del Simposio e conosciamo tutti gli invitati al party organizzato da Agatone. Una volta terminata la cena, ogni personaggio intorno alla tavola pronuncia un discorso sull’amore.

SENZA AMORE C'È SOLO IL CAOS

Il primo a parlare è Fedro che racconta com’era il mondo prima dell’arrivo di Eros: un gran caos! Crescevano gli alberi sulle nuvole e c’erano le montagne in fondo al mare. Tutti litigavano in continuazione, anchee l’Amore scese sulla Terra e ogni cosa tornò al proprio posto. Poi è il turno di Pausania che racconta di quell’amore che dura per sempre.

Arriviamo poi all’intervento che i bambini apprezzano di più: quello di Aristofane. Il grande commediografo racconta che all’inizio gli uomini erano forti perché possedevano l’interezza. Erano completi, bastavano a se stessi. Iniziarono però a “nutrire pensieri superbi”.

Gli uomini decisero di scalare il monte Olimpo perché volevano vivere come gli dei. Suscitarono così l’ira di Zeus che, furioso, scagliò le sue saette contro di loro dividendoli a metà. Da allora gli uomini dimezzati sono profondamente infelici. Ogni metà cerca disperatamente l’altra da cui è stata divisa per riunirsi a essa. Il mondo vivrebbe in pace se ognuno trovasse la propria metà. Tocca ora ad Agatone, il padrone di casa, che recita una poesia sull’amore. I piccoli filosofi sono invitati a loro volta a scrivere un breve componimento sull’amore.

EROS BIRICHINO

È il turno di Socrate che racconta la storia di Penia e Poros, anche questa molto apprezzata dai bambini, che poi vengono invitati a riordinare le sequenze della narrazione. Tutti gli dei si trovavano al banchetto per festeggiare la nascita di Afrodite, dea della bellezza.

La povera Penia si presenta alla festa per chiedere l’elemosina ma quando arriva vede Poros, di cui è follemente innamorata, che dormicchia sotto un albero perché ha bevuto un goccetto di troppo. Penia, approfittando dell’ubriachezza di Poros, gli si avvicina e lo seduce. Da questo incontro nasce Eros, un bel monello: si presenta quando nessuno lo invita, si rifiuta di andare da chi lo aspetta da tempo, fa perdere la testa ai saggi. Però Eros è importante, perché spinge gli uomini a volersi bene e a fare figli, così anche mille anni dopo la morte una parte di sé continua a vivere. Ecco la forza dell’amore: dà agli uomini la possibilità di vivere in eterno.

DA CARTESIO A HEGEL

Queste lezioni di filosofia sono state presentate alla scuola primaria “Bartolomeo Calchi” di Calco nell’ambito del progetto pARTEcipa e alla scuola “Carlo Collodi” di Verderio nelle classi terze. Nessun bambino ha mai chiesto di andare in bagno, erano tutti incollati alla sedia.

Nelle classi terze le lezioni hanno come tema Hegel e la sua Fenomenologia dello Spirito. Nelle quarte ci occupiamo di Pitagora e di Talete, il suo maestro e il primo filosofo della storia. Ci divertiamo con le sue dimostrazioni geometriche. Nelle quinte, gli alunni hanno fatto la conoscenza del grande Cartesio e del suo Discorso sul metodo. Insomma, nessun pensatore è troppo ostico per queste giovani menti. Ogni ciclo di lezioni termina sempre con una merenda filosofica: cuciniamo e mangiamo i piatti tipici del periodo storico in cui ha vissuto il filosofo preso in esame.

Lascia il tuo commento
commenti