La 62esima edizione dello Zecchino d’Oro, si è conclusa sabato sera, quando i bambini in gara hanno cantato le 12 canzoni finaliste di questa edizione, presentati da Carlo Conti e Antonella Clerici

Lo Zecchino d’Oro 2019

La lettera “H”, la più trascurata dell'alfabeto, è la protagonista dello Zecchino d’Oro di quest’anno. Infatti ha vinto una canzone intitolata “Acca” che celebra la lettera dell’alfabeto più silenziosa che ci sia.

I Piccoli
Cilento martedì 24 dicembre 2019
di La Redazione
Logo Zecchino d'Oro
Logo Zecchino d'Oro © web

Le dodici canzoni in gara, interpretate da 16 bambini, hanno affrontato temi diversi che vanno dagli animali ai sogni, dalla grammatica alle piccole grandi difficoltà di ogni giorno:

Claudio Rosato – O’ Tucano Goleador
Giulia Rizzo e Matilde Gazzotti – I pesci parlano
Alessia Cecere – Sono felice
Marta Sisto, Irene Lucarelli e Carlo Antonio Fortino – L’inno del girino
Nausica Speranzini – Tosse
Gabriele Tonti – Non capisci un tubo
Nicole Curatolo e Zeno Gregorio Nigido – Il bombo
Francesca Larocca – Skodinzolo
Luna Massari – Un principe blu
Rita Longordo – Acca
Alessia Mirra – Metti la salsa
Asia Loi – La memoria

La 62esima edizione dello Zecchino d’Oro, si è conclusa sabato sera, quando i bambini in gara hanno cantato le 12 canzoni finaliste di questa edizione, presentati da Carlo Conti e Antonella Clerici.

La lettera “H”, la più trascurata dell'alfabeto, è la protagonista dello Zecchino d’Oro di quest’anno. Infatti ha vinto una canzone intitolata “Acca” che celebra la lettera dell’alfabeto più silenziosa che ci sia. Eppure, se non ci fosse, quanto sentiremmo la sua mancanza. Una canzone che, nel suo piccolo, contiene un grande messaggio di valorizzazione della diversità e sostiene il valore dell’inclusione.

Le canzoni con un messaggio sono destinate a diventare protagoniste. Quest’anno mamme e papà canteranno con i loro piccoli “Skodinzolo” dedicata ad un cane trovatello o “L’inno del girino” un brano che parla di uno stagno trasformato in un’arena abitata da animali che fanno tutti i versi possibili ed immaginabili. E poi c’è “Il principe blu” magnifica storia di una principessa che dichiara di non essere disposta a scendere a compromessi con nessun principe azzurro, per salvaguardare la propria autonomia e autodeterminazione. In un’epoca in cui tutti parlano di prevenzione della violenza di genere, è allo Zecchino d’Oro che abbiamo ascoltato uno dei migliori esempi di prevenzione primaria in circolazione. E per tutti gli adulti che stanno invece lavorando sul tema dell’educazione ambientale, vi consigliamo di ascoltare “I pesci parlano”, che racconta di un dialogo tra un bambino e i pesci di un acquario che gli spiegano come il mare sia diventato la discarica di tutti rifiuti degli uomini.

Lascia il tuo commento
commenti