Con il vaccino anche il Covid-19 smetterà di farci paura!

Immunità di gregge

"Per raggiungere tale immunità di gregge, la copertura vaccinale per una determinata malattia deve essere superiore al 95% della popolazione."

I Piccoli
Cilento giovedì 02 aprile 2020
di Gina Chiacchiaro
Rappresentazione grafica dell'immunità di gregge
Rappresentazione grafica dell'immunità di gregge © web

Si parla d'immunità di gregge nell'ambito della cura e del trattamento delle malattie infettive che vengono trasmesse da individuo a individuo. Proprio come Covid-19, l'epidemia scatenata dal coronavirus SARS-CoV-2 che tanto ci sta facendo tribolare.

Secondo il sito dell'autorevole Fondazione Umberto Veronesi, «con l’espressione immunità di gregge, o immunità di gruppo, si intende quel fenomeno per cui, una volta raggiunto un livello di copertura vaccinale (per una determinata infezione) considerato sufficiente all’interno della popolazione, si possono considerare al sicuro anche le persone non vaccinate».

Significa che di fronte ad una malattia infettiva molto contagiosa, se la maggior parte della popolazione si vaccina, si crea un'immunità di gruppo che protegge anche chi non è vaccinato.

Infatti, se il virus non riesce a circolare, s'interrompe la catena di trasmissione e anche chi non ha la possibilità di vaccinarsi - come gli immunodepressi, ossia coloro il cui organismo non ha difese immunitarie sufficienti per sostenere le reazioni innescate da molti vaccini - può ritenersi al sicuro, poiché le probabilità divengono troppo basse.

Di solito per raggiungere tale immunità di gregge, la copertura vaccinale per una determinata malattia – ad esempio, il morbillo - deve essere superiore al 95% della popolazione. Ecco perché è importanti vaccinarsi e perché stiamo aspettando con ansia il vaccino per il coronavirus: quando sarà pronto, Covid-19 smetterà di farci paura!

Lascia il tuo commento
commenti