Anche Tutankhamon ne aveva un paio!

​Le infradito, o flip-flop, sono le calzature dell’estate. Ma come sono nate?

dalle paia più semplici a quelle più costose; d'origine antichissima, è la calzatura più diffusa al mondo

I Piccoli
Cilento martedì 23 giugno 2020
di La Redazione
Zori giapponesi moderni
Zori giapponesi moderni © web

Sono probabilmente le calzature più diffuse al mondo: secondo il Business Insider, una delle aziende produttrici più famose di infradito vende circa 200 milioni di paia all’anno e non solo, le flip-flop come le chiamano negli USA o thongs come sono dette in Australia, sono in verità anche calzature antichissime!

Sono state scoperte testimonianze di sandali composti da scuola e un filo tra le dita risalenti a 4000 anni fa nell’antico Egitto. Tali calzature erano indossate da ricchi e faraoni, a differenza di militari e popolo che camminavano scalzi. Una recente mostra al Museo Egizio del Cairo ha poi anche evidenziato che persino Tutankhamon in persona ne possedesse un paio particolarmente elaborato, erano fatte a mano ed impreziosite con pezzi d’oro, corteccia di betulla, ossa e forse anche vetro.

Antenati degli infradito erano diffusi anche in Giappone dall’VIII al XII secolo d.C. e detti zori, tuttavia la vera e propria diffusione su larga scala iniziò negli anni ’50 in Nuova Zelanda, dove invece venivano chiamati jandals, fino a quando nel 1962 ci fu la produzione del primo paio in materiale plastico.

Ne fanno largo uso in Pakistan ed India con abbigliamento leggero e in tutti quei paesi in cui le condizioni economiche medie della popolazione sono difficoltose, ma esistono anche esemplari molto pregiati, in cui è proprio il materiale a fare la differenza!

Ci sono ad esempio modelli in edizione limitata a prezzi davvero incredibili, come le Chipkos realizzate negli USA e firmate dall’artista David Palmer al costo di 18.000 dollari e le italiane BeeChic Virtuosà, che sono caratterizzate da tomaie intrecciate a mano in raso francese e su cui poggiano due gioielli in oro 24 carati con 9 zaffiri blu e 3 diamanti per sandalo con un costo totale di 290mila euro!

Lascia il tuo commento
commenti