"Cambiando gli ingredienti, con un pizzico di ironia e ingegno in più e mescolando il tutto con nuove regole, nel rispetto delle attuali norme di sicurezza, il risultato non cambia, è sempre il divertimento"

"Giochi di Gruppo (anche) a 1 metro di distanza”

Il libro di Pierdomenico Baccalario, Marco Cattaneo, Federica Taddia, illustrato da Marianna Balducci per Mondadori Ragazzi.

I Piccoli
Cilento giovedì 22 ottobre 2020
di Gina Chiacchiaro
“Giochi di Gruppo (anche) a 1 metro di distanza” di Pierdomenico Baccalario, Marco Cattaneo, Federica Taddia, illustrato da Marianna Balducci ed. Mondadori Ragazzi, PP 80, EURO 3,99.
“Giochi di Gruppo (anche) a 1 metro di distanza” di Pierdomenico Baccalario, Marco Cattaneo, Federica Taddia, illustrato da Marianna Balducci ed. Mondadori Ragazzi, PP 80, EURO 3,99. © web

Giocare a Nascondino, a Mosca Cieca, a Rubabandiera, a Calcio e a Bocce stando a un metro di distanza. Sembra impossibile farlo senza toccarsi, senza saltarsi addosso, senza potersi abbracciare. Eppure un modo per non rinunciare al divertimento nel praticare i giochi di gruppo più amati, si può trovare.

Basta giocare con regole nuove, come ci suggeriscono Pierdomenico Baccalario, Marco Cattaneo e Federico Taddia in “Giochi di gruppo (anche) a 1 metro di distanza”, il primo libro dedicato ai giochi a distanza, secondo le nuove misure di sicurezza. La versione digitale vuol essere un assaggio della versione cartacea. Gli autori, anche grazie alle bellissime illustrazioni di Marianna Balducci, hanno rivisitato le regole di giochi intramontabili per adattarli al nuovo contesto in cui ci troviamo a vivere.

"Cambiando gli ingredienti, con un pizzico di ironia e ingegno in più e mescolando il tutto con nuove regole, nel rispetto delle attuali norme di sicurezza, il risultato non cambia, è sempre il divertimento" dicono gli autori.

Baccalario, scrittore e autore di romanzi d'avventura per ragazzi, è Medaglia d'oro nei giochi di parole, nei giochi da fermo e nei giochi a cui nessuno vuol giocare.

Cattaneo, giornalista sportivo e autore di libri per ragazzi, non c'è sport al mondo che non abbia provato, raccontato o guardato, rigorosamente dalla panchina.

Taddia, giornalista e conduttore, appassionato di giochi, ha un sogno: partecipare e vincere il Campionato mondiale di Nascondino.

"Il bello dei giochi è che hanno delle regole. E il bello delle regole è che si possono cambiare… Così i giochi diventano altri giochi, ma il divertimento resta sempre quello… Stare lontani almeno un metro l'uno dall'altro (ovvero circa due passi), lavarsi tanto e spesso le mani, non sputare, starnutire e tossire dentro al gomito, non tergersi il sudore con lo stesso asciugamano, disinfettare spesso gli oggetti che si toccano (come per esempio i palloni), non bere dalla stessa borraccia…Insomma, poche storie: le istruzioni per convivere con il Covid-19 le conosciamo già bene e sappiamo che dobbiamo fare un po' di attenzione per evitare i contagi quando siamo con i nostri amici.

Qualche esempio?

Il gioco dei Quattro Cantoni diventa degli Otto Cantoni per evitare che due persone si possano trovare nella stessa base nello stesso momento. A Rubabandiera ciascuno gioca con una propria bandiera equidistante da ciascun giocatore. E a basket, per cominciare, bisogna procurarsi due canestri (o cestini).

Lascia il tuo commento
commenti