In America chi vince le elezioni ottiene un mandato di quattro anni per governare il Paese.

I poteri del Presidente Degli Stati Uniti

Il Presidente degli Stati Uniti d'America è spesso definito come l'uomo più potente della Terra. Ma perchè?

I Piccoli
Cilento venerdì 20 novembre 2020
di Gina Chiacchiaro
I presidenti degli Stati Uniti d'America dal 1789 a oggi
I presidenti degli Stati Uniti d'America dal 1789 a oggi © web

Sono 45 i Presidenti che si sono succeduti nel famoso Studio Ovale, l'ufficio" del presidente Usa, e tutti hanno avuto tra le mani non solo il destino della loro Nazione, ma anche quello del Mondo intero.

Benché il campo d'azione del Presidente degli USA sia molto vasto, la Costituzione, scritta dai padri fondatori degli Stati Uniti d'America, impedisce che tutti i poteri vengano concentrati attorno ad una sola carica. Ciò comporta che anche l'uomo più influente del Mondo deve confrontarsi con le altre istituzioni americane.

Gli Stati Uniti sono infatti una Repubblica Federale, in cui i 50 Stati che la compongono detengono la piena autonomia su molti aspetti politici ed economici e persino il Presidente non può mettervi becco, se non passando prima dal Congresso e dal Senato che è formato dai rappresentati di questi Stati.

Ma…

In America chi vince le elezioni ottiene un mandato di quattro anni per governare il Paese. Per fare ciò, nei primi mesi il Presidente può nominare i Giudici federali della Corte d'Appello e i Giudici della Corte Suprema. Questi nomi però devono essere approvati dal Senato.

Il Presidente ha anche la facoltà di indicare i nuovi capi della C.I.A, i servizi segreti americani, e della N.S.A, i servizi di sicurezza nazionale. In sede di affari interni poi, il Presidente americano può proporre leggi in materia economica e sociale anche se sta poi al Congresso approvare e discutere tali proposte, può graziare i condannati a morte, ma solo per reati federali e si riserva la prerogativa di tenere discorsi al Congresso e al Senato.

E in politica estera…

È il principale interlocutore nelle relazioni con gli altri Stati e decide dunque quale linea diplomatica tenere.

È capo delle Forze Armate e ha piena facoltà di comandare operazioni militari sul luogo dei combattimenti, ma anche qui l'autorizzazione a partire per missioni belliche deve prima passare dal sì del Congresso.

È l'unico autorizzato a poter ordinare un attacco nucleare! Ovunque vada, il presidente viene seguito da un militare del Pentagono con una valigetta contente i "Codici d'Oro" per lanciare testate atomiche in caso d'emergenza. Finora però, per fortuna non ce n'è mai stato bisogno.

a cura di Gina Chiacchiaro

Lascia il tuo commento
commenti