Giovani artisti crescono. Il pianista Alessandro Amendola

Personaggi
Cilento martedì 16 maggio 2017
di Alessandro Pecoraro
Giovani artisti crescono. Il pianista Alessandro Amendola
Giovani artisti crescono. Il pianista Alessandro Amendola © n.c.

Continua l’impegno di Unico per far conoscere i giovani artisti e musicisti cilentani. Questa settimana abbiamo intervistato in redazione il giovane Alessandro Amendola. 17 anni, classe 2000 da Roccadaspide. Frequenta il liceo linguistico e nutre la sua passione per il pianoforte da circa 10 anni. A soli 7 anni infatti nasce la passione per lo strumento. Incoraggiato dai genitori tiene lezioni private con Sabina Martiello, Maestro di piano per il Coro polifonico di Santa Sinforosa a Roccadaspide e presidente della scuola di musica “Euterpe”. Dopo alcuni anni di studio, ancora giovanissimo, Alessandro entra nel Coro e successivamente diventa organista per la chiesa di Roccadaspide, ruolo che ancora oggi ricopre. Dopo numerosi concerti con il Coro e da solista, nell’estate 2016 decide di iscriversi al conservatorio “Martucci” di Salerno. All’esame di ammissione di pianoforte è primo in graduatoria con 28 punti su 30. Oggi studia con attenzione i grandi pianisti classici al “Martucci” seguito dal Maestro Giuseppe Squitieri, pianista di fama Nazionale ed Internazionale. Tra i numerosi successi riportati da Alessandro in rassegne pianistiche di tutta Italia ricordiamo il Primo premio al concorso musicale internazionale “Carlo Agresti” di Sala Consilina, e tra le prime posizioni ad Angri, Cava de’ Tirreni, Narni (Terni) e Corato (Bari). Martedì 16 Maggio è stato scelto per la finale della rassegna pianistica organizzata dalla sezione di Salerno e Provincia dell’Associazione Culturale Cypraea. La rassegna è un concerto pianistico per i giovani dai 17 ai 27 più meritevoli. Per chi volesse partecipare il Concerto è previsto il 16 Maggio alle ore 17.00 a Salerno presso la Sala Bilotti dell’Archivio di Stato, Largo Abate Conforti, 7. In anteprima ad Unico Alessandro svela il repertorio che porterà a Salerno.

Rachmaninoff: -Prelude op.23 n.1; -Etude-Tableaux op.39 n.5

Liszt: -Sonetto del Petrarca n.104; -Studio trascendentale n.10 Infine non può che arrivare da parte di tutti noi il più grande augurio di una carriera gloriosa e di successo per un giovane cilentano appassionato di musica classica.

Lascia il tuo commento
commenti