"Le altre patologie, le altre persone e gli altri pazienti che, hanno bisogno di sangue periodicamente per le loro problematiche, ovviamente non diminuiscono con il Covid, però diminuiscono le donazioni di sangue."

Ospedale di Polla, la donazione di sangue al tempo del Covid 19

Mazzariello di Fratres: “Pronto il calendario per le donazioni straordinarie. L’ospedale è sicuro”

Sanità
Cilento lunedì 30 novembre 2020
di Antonella Citro
Ospedale di Polla, la donazione di sangue al tempo del Covid 19
Ospedale di Polla, la donazione di sangue al tempo del Covid 19 © Unico

Importante è continuare a sensibilizzare sulla donazione del sangue. Anche in periodo di pandemia da Covid 19. E al centro trasfusionale dell’ospedale di Polla prosegue la campagna per infondere sicurezza proprio nelle donazioni, anche nelle zone rosse, come è da qualche giorno la regione Campania. Sul tema parla Benedetto Mazzariello dell’associazione Fratres: “Con la istituzione delle zone rosse e con le prescrizioni maggiori da parte del governo centrale si verifica un’allerta in più e giustamente aumenta la paura di recarsi presso i reparti trasfusionali per donare - afferma il - vogliamo a tal proposito tranquillizzare tutti, come abbiamo già fatto precedentemente a marzo, le donazioni, vengono fatte presso i reparti trasfusionali in maniera sicura e con il personale addetto che si serve di tutte le predisposizioni adatte a fronteggiare il Covid 19, sono addetti a fornire cioè la giusta assistenza al donatore che vi si reca sul posto. Vogliamo dire a tutta la popolazione che, pur essendo zona rossa la Campania in questo periodo, lo spostamento tra i vari comuni, per donare il sangue, è comunque consentito, avvalendosi però dell’autocertificazione”. Tra gli spot più emblematici e in voga in questo momento vi è quello di “Dona il sangue… dona il futuro. Volontariamente, gratuitamente, periodicamente”, e anche su questo il vicepresidente di Fratres Mazzariello, riferisce: “Purtroppo le altre patologie, le altre persone e gli altri pazienti che, hanno bisogno di sangue periodicamente per le loro problematiche, ovviamente non diminuiscono con il Covid, però diminuiscono le donazioni di sangue per le varie problematiche già dette. Invitiamo allora a donare il sangue tutte le mattine presso il nostro centro trasfusionale a Polla al quale facciamo riferimento, al personale addetto pronto a ricevere i donatori tranquillamente anche con raccolte di sabato e domenica”. Si ribadisce anche l’importanza di far sapere e trapelare la sicurezza di questo presidio ospedaliero del Vallo di Diano, soprattutto in questo periodo, come più volte annunciato anche da diversi operatori sanitari del luogo. Sul calendario degli appuntamenti in programma per quanto riguarda la raccolta straordinaria di sangue, Benedetto Mazzariello, afferma: “Sono in agenda diverse giornate per le prossime settimane, si può donare tutte le mattine, dal lunedì al venerdì in maniera regolare e tranquillamente, magari si può contattare anche il centro trasfusionale per chiedere se ci sta possibilità o spazio per donare, si può chiamare allora 0975373232. Abbiamo in programma anche raccolte già fissate, ovviamente salvo modifiche all’ultimo momento, che comunicheremo anche via Social sulla nostra pagina Facebook e su Instragram. Vi sono raccolte in programma domenica 22 novembre, domenica 5 dicembre e domenica 20 dicembre quindi per chi lavora o è impegnato durante la settimana, può sfruttare il fine settimana per poter donare. A tal proposito si possono chiamare i numeri di Fratres 3496037315 oppure 3389097237 e gireremo queste prenotazioni all’ospedale di Polla”. Mazzariello, ma tutto il gruppo Fratres, come tutto il territorio, sono sempre in prima linea in questo gesto di grande generosità che serve a salvare molte vite e a trasformare questo momento di paura per i tanti contagi anche nel Vallo di Diano, in opportunità di donare appunto la vita o salvarla a chi ha realmente bisogno. Ci si può recare al presidio ospedaliero “Luigi Curto” perché è sicuro e le disposizioni di sicurezza sono tutte in uso come sono stati attivati anche percorsi studiati ad hoc per consentire, a chi non è addetto ai lavori, di vivere la donazione di sangue in tranquillità e senza ansie.

Antonella Citro

Lascia il tuo commento
commenti