Un solo attore e la memoria di un dramma collettivo, perché la terra possa smettere di tremare quarant’anni dopo.

“Il fulmine nella terra” e il Giffoni Film Festival

Una Fenice è sempre in grado di risorgere dalle macerie per creare ogni giorno qualcosa di meraviglioso.

Spettacolo
Cilento lunedì 30 novembre 2020
di Lucrezia Romussi
“Il Fulmine nella terra. Irpinia 1980”
“Il Fulmine nella terra. Irpinia 1980” © Unico

Quarant’anni fa c’era una terra che oggi non esiste più, il 23 novembre del 1980 con un terremoto lungo 100 secondi ci sono in Campania 280.000 sfollati, 8.848 feriti e, secondo le stime più attendibili, 2.914 morti. “Il Fulmine nella terra. Irpinia 1980” è un monologo di teatro civile basato su articoli di giornale, testimonianze e documenti originali, che ricostruisce i primi giorni del sisma raccontando, con ironia e crudezza, le storie delle vittime e dei soccorritori, i ritardi, l'impreparazione e gli errori. Lo spettacolo, scritto da Mirko di Martino (direttore del Teatro dell’Osso di Napoli) e patrocinato dal Giffoni Experience, è nato come opera teatrale nel 2010, dopo aver girato numerosi palcoscenici italiani aggiudicandosi diversi riconoscimenti (tra questi la nomination come Migliore Attore al suo protagonista, Orazio Cerino, al Roma Fringe Festival 2014), tuttavia, oggi il sipario ha lasciato il posto alla macchina da presa del team del Gex che, con la regia televisiva di Luca Apolito, le riprese di Fiorenzo Brancaccio, Francesco Paglioli e Gianvincenzo Nastasi hanno dato una seconda vita all’opera. Le musiche sono firmate da Nicola Dragotto, Bruno Tomasello e Polo Sud Edizioni Musicali, mentre il produttore associato è Roberto Sapienza. Lo spettacolo è anche il racconto di un'epoca che sembra molto più lontana di quanto non sia in realtà, un'ironica e a tratti dolorosa narrazione dell'Italia del 1980, riproposta attraverso le canzoni, i film e la tv di quegli anni, rendendo ancora più amaro il contrasto tra la spensieratezza di quel tempo e la tragicità dell'evento. “Siamo felici di questo risultato - spiega l’attore Orazio Cerino - quello che mettiamo in scena è un teatro per rievocare, condividere e ricostruire. Anche se sono passati 40 anni un sisma ha sempre le stesse dinamiche: i tempi di ricostruzione sono lunghissimi, le vittime non sono soltanto chi finisce sotto le macerie ma anche chi perde la casa. L’esigenza era quella di mostrare uno spaccato degli anni ’80 che fosse applicabile anche ai terremoti di oggi, in questo la narrazione risulta molto attuale. Grazie alla lungimiranza del Giffoni Experience e alla collaborazione con la Rai - conclude - l’opera, finalmente, entrerà a casa di tutti”. Un solo attore e la memoria di un dramma collettivo, perché la terra possa smettere di tremare quarant’anni dopo. Oggi, è disponibile su RaiPlay e sulle maggiori piattaforme di streaming. “Il 23 novembre 1980 il terremoto più distruttivo della nostra storia recente ha piegato molte famiglie - ricorda il direttore del Giffoni Experience, Claudio Gubitosi - quel giorno il cinema Moderno, gestito dal Festival, divenne centro operativo e di primo soccorso. Abbiamo voluto fortemente dare il nostro sostegno al progetto, ideato nel 2010 dal Tetro dell’Osso e poi trasposto televisivamente dal nostro gruppo, perché crediamo che quest’opera sia in grado di mettere allo specchio l’Italia, dando una visione chiara delle cicatrici e delle piaghe ancora da sanare che rimangono da quel giorno”. La vicinanza del direttore alle popolazioni si è manifestata fin da subito alle popolazioni colpite, infatti, all'indomani del terremoto che ha devastato una serie di centri tra Lazio, Umbria e Marche, il direttore del Giffoni Experience Claudio Gubitosi ha annunciato ‘’Qualche ora di tempo per capire meglio la dimensione di questa nuova tragedia che ha colpito il nostro Paese. L’impulso di fare qualcosa subito è sempre forte. Alla distruzione fisica di un luogo intriso di storia e memoria, si aggiungono paure, desolazione, impotenza da parte di chi ha vissuto e subito questa tragedia.’’ Dunque, il destino del Giffoni Film Festival sembra ancora una volta segnato da eventi poco felici ma questa creatura fantastica come vera e propria Fenice è sempre in grado di risorgere dalle macerie per creare ogni giorno qualcosa di meraviglioso.

Lucrezia Romussi

Lascia il tuo commento
commenti