Le poesie di San Valentino

Le poesie di San Valentino come augurio di felicità per tutti gli innamorati di qualsiasi età e ceto sociale.

LIUCCIO GIUSEPPINO I Viaggi del Poeta
Cilento - venerdì 14 febbraio 2020
Le poesie di San Valentino
Le poesie di San Valentino © web

1) Doni promette amore generosi

È neve iiilrincspeeerno che tracima

All’inferriata della villa vuota.

FASTO DI ROSE A GLORIA DI SOLE

AD ORNAMENTO DEL GIARDINO INCOLTO.

Fuoco di vita ancora sconosciuta

A corpo inesplorato di donna inquieta.

Malizia di sorriso ad occhi audaci, sogni proibiti di virginei letti.

Doni promette amore generosi.


2) Serpeggia voglia…

Serpeggia voglia fredda nella schiena

Se spia dal cammeo dei ricordi

Sorriso dolce di fanciulla implume,

Ed all’ovale rapida trasmigra

Donna matura a fuoco di piacere

All’inguine colpita per amore


3) Ho voglia della gioia soddisfatta

Che sopravvive a turbine di sesso,

di carne che trascende a sentimento.

Di te docile smemore nell’io

dell’io furente che in te

duplicità nell’uno dell’amore


4)Donna del mediterraneo

Fosti bellezza a gemiti di mare

con Venere ridente a fiori d'onda

amore/seduzione a proclamare,

donna/dea del Mediterraneo.

Fosti fonte di vita e di abbondanza

con Hera Argiva a fecondare letti,

con Cerere a custodia delle messi.

donna/madre del Mediterraneo.

Fosti Nausica a sillabare ebbrezze

stupita ai primi fremiti d'amore

all'incanto di corpo di straniero,

donna/figlia del Mediterraneo.

Fosti moglie fedele nell'attesa

con Penelope a tessere la tela

tesa all'inganno di voraci Proci,

donna/sposa del Mediterraneo.

Fosti amante furente di passioni

con Circe adusa a filtri di magia.

Fosti Calipso tutta sentimenti,

donna/mito del Mediterraneo.

Fosti Giovanna giovane ducissa

famelica di sesso nella torre

che veglia Amalfi a gloria di sole.

donna/lupa del Mediterraneo.

Sei brezza che carezza le colline.

Sei vela bianca a transito di mare.

Sei sole caldo che feconda il mondo.

Sei madre, sposa, figlia, sei amante.

Sei passato, presente, sei futuro.

Sei alfa e omega, storia e poesia,

donna/vita del Mediterraneo.

(tratta da Giuseppe Liuccio: AMORE E AMORI. Edizioni dell’Ippogrifo)


E per finire due poesie in dialetto cilentano.


1) SPINE E ROSE

SPINE E ROSE

E NUI CILENTANI NNAMURATI

PUNGIMO COME SPINE RE RULOE

MA SCARPISAMO ROSE PE L’ADDORE

LA SPINA LASSA MERCHI CO LIRACHI

L’ADDORE SE NNE VOLA CO LO VIENTO.

MA RESTA SEMPE MPIETTO NCUPO NCUPO

CHIÙ DOCE LO RICORDO RE L’AMORE

C’OGNI TANTOTE NZUCCARA LO CORE


2) QUANNO VASI NA FIGLIOLA

Quanno vasi na figliola

tu non sai chiù addò stai

si camini pe la terra

o si vuoli pe lo cielo

E te friscano l’aurecchie

E lo core vaie a viento

E pe nnanti l’uocchi viri

palummelle re culuri.

E lo sango inta le vene

friie, vodde e a ti te pare

c’a mumenti te sgunucchi.

Te s’allappa po’ la voce

E non ngarri chiù a parlà.

A mi ancora me succere

come quanno a sirici anni

me vasai a Carulina.

L’astringietti inta na ngogna

co le mmano stese ncroce

tutti e due co l’uocchi chiusi.

E sentemmo le campane

ca sunavano la gloria

E tant’angioli ra cielo

ca cantanno a una voce

Ne recerò: “Chisto è amore,

paraviso re lo core”

(tratta da Giuseppe Liuccio: IENESTRE CERASA E VASI - Galzerano Editore)

Lascia il tuo commento
commenti