AFTE DELLA BOCCA, CAUSE E RIMEDI

ALBERTO DI MURIA

FARMACIA DI MURIA In Farmacia
Cilento - martedì 09 aprile 2019
AFTE DELLA BOCCA, CAUSE E RIMEDI
AFTE DELLA BOCCA, CAUSE E RIMEDI © n. c.

Le afte della bocca sono lesioni della mucosa orale caratterizzate da abrasioni od ulcerazioni rotondeggianti del diametro di 2-5 mm, anche se talvolta possono raggiungere dimensioni superiori al centimetro. Dolorose spontaneamente o per contatto, leggermente profonde e circondate da un alone rossastro, le afte orali possono essere singole o presentarsi a gruppi. Normalmente guariscono in 7-15 giorni, ma tendono a recidivare ripresentandosi a distanza di tempo. L'aftosi è un'affezione molto comune, tanto da interessare, durante qualche periodo della vita, dal 20 al 60% della popolazione. Rare nell'infanzia, le afte possono comparire già nel periodo adolescenziale e raggiungono il picco d'incidenza tra i 20 ed i 50 anni, con una prevalenza simile in entrambi i sessi. Le cause delle afte non sono ancora completamente conosciute. Anche la carenza di alcuni minerali, quali zinco e soprattutto di ferro è significativamente associata alla presenza di afte della mucosa orale. Allo stesso modo l'origine delle afte è stata associata a carenze vitaminiche, in particolare di B12, di acido folico e vitamina B9. Dal momento che le afte in bocca tendono a regredire spontaneamente nell'arco di una manciata di giorni, in linea di massima si tende a scartare l'opzione terapica farmacologica, lasciando fare il suo corso alla lesione. L'uso topico di corticosteroidi, da assumersi sotto forma di collutori o paste per massaggi, ha dimostrato una certa utilità nel ridurre la gravità e la durata delle ulcerazioni, ma non ha effetto sulla frequenza degli episodi aftosici. In presenza di afte particolarmente dolorose il ricorso ad antalgici può dare sollievo al paziente.