Tutti a scuola in “presenza sicura” mentre la variante Delta galoppa

Tutti a scuola in “presenza sicura” mentre la variante Delta galoppa

L’obiettivo scuola sicura , afferma Bianchi, si raggiunge attraverso “l’obbligo di green pass”. Bassetti : "Il vaccino obbligatorio è l'unico rimedio". Montagnier: “Il Green Pass? È un affare di marketing".

Cilento - sabato 21 agosto 2021
Variante Delta
Variante Delta ©

Tutti a scuola in “presenza sicura” mentre la variante Delta galoppa

L’obiettivo scuola sicura , afferma Bianchi, si raggiunge attraverso “l’obbligo di green pass per il personale scolastico”. Bassetti : "Il vaccino obbligatorio è l'unico strumento per rimediare nel prossimo mese e mezzo a una situazione che diventerà insostenibile". Montagnier, Premio Nobel per la Medicina 1983: “Il Green Pass? È un affare di marketing”.

Causa di diffusione del Covid è stata la finale di Euro 2020. Si legge sul Times che cita i dati elaborati dal Public Health England. Bisogna correre ai ripari, secondo Bassetti. Il vaccino, a suo dire, deve essere obbligatorio per tutti, altrimenti si rischierà, quasi certamente, la chiusura autunnale. Ne è convinto Matteo Bassetti, docente ordinario di Malattie Infettive all'Università di Genova e primario al Policlinico San Martino. "L'obbligo, dichiara, è l'unico strumento per rimediare nel prossimo mese e mezzo a una situazione che diventerà insostenibile". L’ascesa dei casi d’infezione, sostiene, nel prossimo autunno, è cosa certa. Unica arma per combattere il rialzo è il vaccino. Il repentino aumento  dei contagi dovuto alla circolazione della variante Delta determina  la lievitazione dei casi anche tra i più piccoli, con un’incidenza in crescita per i giovani fino a 18 anni. Questa situazione costringe, malgrado ventate di diffuso disappunto, alla vaccinazione delle fasce d’età che vanno dai 12 ai 19 e dai 20 ai 29 anni. Anche sul fronte scuola quindi, malgrado le risorse  e le disposizioni ministeriali a tutela della salute degli alunni e del personale, le previsioni non sono rosee. L’auspicio e l’apprezzabile entusiasmo del Ministro Bianchi rasentano obbligati limiti. “Siamo al lavoro da tempo per preparare la ripresa delle lezioni, scrive il Ministro dell’Istruzione, con risorse economiche e regole definite insieme alle autorità sanitarie e alle altre istituzioni competenti”. Obiettivo principe è la scuola in presenza e sicura. Questo obiettivo, ne è convinto Bianchi, si raggiungerà attraverso “l’obbligo di green pass per il personale scolastico”. Intanto i Dirigenti prefigurano lo scenario delle scuole all’ingresso. Si prevede “il rischio di lunghe code davanti alle scuole all’orario di entrata dei docenti, che in genere avviene pochi minuti prima dell’inizio delle lezioni. L’unico modo per semplificare le procedure sulle verifiche del Green pass negli istituti, dichiara il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli, sarebbe quello di effettuarle solo su chi non è vaccinato. Abbiamo chiesto al Ministero di poter avere uno scambio con le Asl per sapere quanti non sono i vaccinati e chi sono quelli che non hanno il Green pass, ma finora non abbiamo avuto risposte”.

Il Green pass è la certificazione verde Covid19 che permette, fra l’altro, di accedere a eventi, strutture e altri luoghi pubblici in Italia e facilita gli spostamenti in Europa.

Secondo Luc Montagnier, Premio Nobel per la Medicina 1983: “Ci troviamo in una dittatura sanitaria, non più in democrazia. Questi vaccini non sono dei veri vaccini, ma un montaggio complicato di biologia molecolare che è capace di essere un veleno. È un orrore costringere le persone, adesso i bambini, a farsi inoculare questo preparato molecolare. Rinnovo l’appello ai medici perché prescrivano le cure che funzionano. Il Green Pass? È un affare di marketing. Noi complottisti? No: sono loro a complottare!". Lo scopritore del virus dell'Aids fa valere energicamente la sua opinione e dichiara: “Il green pass non è utile per la salute pubblica. E’ un affare di marketing. “Voglio ripetere con chiarezza: questi vaccini sono inutili, pericolosi e inefficaci. A differenza di quello che ci avevano detto, questi vaccini non impediscono affatto la diffusione del virus.  È  un crimine vaccinare dei bambini, perché anche se adesso non subiscono degli effetti negativi, possono esserci degli effetti a lungo termine oltre a quelli che vediamo adesso. Effetti a lungo termine di cui adesso non siamo a conoscenza". Resta il fatto che in Europa aumentano le zone rosse, la variante Delta è in seria diffusione. Al 91% Delta in Italia, inizia però a preoccupare anche Lambda. Altro indirizzo di pensiero è quello dell’Iss: Una più elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresentano gli strumenti principali per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenuta da varianti emergenti con maggiore trasmissibilità”. A chi bisogna ascoltare? Che fare? “I nostri dubbi ci tradiscono, direbbe William Shakespeare, impedendoci di affrontare la battaglia ci precludono sovente i dolci frutti della vittoria.”

Emilio La Greca Romano

 

 

Lascia il tuo commento
commenti