La scuola italiana all’  ‘Expo Dubai 2020’. La Campania tra i protagonisti del sistema Paese

La scuola italiana all’ ‘Expo Dubai 2020’. La Campania tra i protagonisti del sistema Paese

“La vera sfida, oggi, ha affermato il Ministro Bianchi, è avere un patto globale per l’Istruzione, che sia alla base di una economia sostenibile”.

Cilento - sabato 02 ottobre 2021
Padiglione Italia
Padiglione Italia ©

La scuola italiana all’  ‘Expo Dubai 2020’. La Campania tra i protagonisti del sistema Paese

Al via “Expo 2020”. L’Italia e le nostre scuole saranno protagoniste con il Ministero dell’Istruzione; presenteranno laboratori internazionali basati sull’utilizzo delle metodologie didattiche innovative. “La vera sfida, oggi, ha affermato il Ministro Bianchi, è avere un patto globale per l’Istruzione, che sia alla base di una economia sostenibile”. Il Padiglione Italia propone un’architettura ideata per mettere in scena, con creatività e innovazione, “la bellezza che unisce le persone”.  La Campania all’Expo 2020 Dubai, United Arab Emirates, tra i protagonisti del sistema Paese.

L’Expo 2020 Dubai, United Arab Emirates, comunemente nota “Expo 2020”, doveva compiersi dal 1 ottobre 2020 al 31 marzo 2021. La pandemia di Covid19 ha costretto la posticipazione dell’evento. Era stato stimato un flusso di 25 milioni di visitatori. Il tema della importante esposizione è  Minds, Creating the Future (collegare le menti, creare il futuro). L'Esposizione cade nel 50º anniversario dalla fondazione degli Emirati Arabi Uniti, il Golden Jubilee dello Stato. Il primo ottobre di quest’anno, a distanza di un anno dalla data d’inizio preventivata, ha  preso il via la prima iniziativa didattica innovativa organizzata dal Ministero dell’Istruzione e dal Commissariato italiano Expo Dubai 2020 nell’ambito di ‘Expo Dubai 2020’: laSchool for #Cop 26”, nell’ambito della settimana del Clima e della Biodiversità, in continuità con i temi della 26° Conferenza delle Parti (Cop26). La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici del 2021, nota anche come COP26, è la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Si terrà nella città di Glasgow, in Scozia, tra il 31 ottobre e il 12 novembre 2021, sotto la presidenza del Regno Unito.  Regno Unito e Italia hanno assunto l’impegno di mettere il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità al centro dell’agenda multilaterale nel 2021, anche attraverso le presidenze diG7, G20 e COP26.  Per altre 8 settimane, fino a marzo 2022, nello snodarsi degli eventi di Expo 2020 Dubai, l’Italia e le nostre scuole saranno presenti e protagoniste con il Ministero dell’Istruzione e presenteranno laboratori internazionali basati sull’utilizzo delle metodologie didattiche innovative.  Durante la Climate & Biodiversity Week di Expo40 studentesse e studenti delle scuole secondarie di secondo grado italiane, inglesi e di altre 15 nazionalità parteciperanno a ‘School Mode’, un laboratorio in cui saranno svolti debate fra squadre, simulati negoziati di organizzazioni internazionali e presentate possibili soluzioni al problema del cambiamento climatico proposte dai ragazzi. L’Italia, lo scorso anno, a seguito del successo della Settimana dello Spazio, a inizio ottobre, assunse il ruolo da protagonista di un evento digitale globale organizzato da Expo 2020 Dubai: si tratta della “Climate and Biodiversity Week”. La manifestazione fu calendarizzata il  19 ottobre 2020 e dedicata ai temi alla tutela della biodiversità e al cambiamento climatico, nonché alle loro importanti ricadute sulla vita di tutti i giorni. Si trattò di un evento digitale. Fu possibile parteciparvi a mezzo il canale YouTube di Expo 2020 Dubai, mise insieme esperti mondiali e anticipò le iniziative degli oltre 190 padiglioni nazionali nel corso della settimana tematica dedicata all’Esposizione Universale,  partita il primo ottobre del 2021. Patrizio Bianchi, Ministro dell’Istruzione,  ha partecipato, con un videomessaggio, alla cerimonia di apertura al Padiglione Italia, ringraziando Paolo Glisenti, Commissario italiano per Expo 2020 Dubai, Laura Faulkner, Commissario per il Regno Unito (che detiene la presidenza per Cop26) e la Ministra per le politiche giovanili degli Emirati Arabi Uniti, H.E. Shamma bint Suhail Faris Al Mazrui. Il Ministro ha rivolto, inoltre, il suo saluto alle studentesse e agli studenti impegnati, con le loro scuole, nella realizzazione delle attività: “La vera sfida, oggi, ha affermato il Ministro Bianchi, è avere un patto globale per l’Istruzione, che sia alla base di una economia sostenibile”.  Il progetto del Padiglione Italia è firmato da Carlo Ratti, Italo Rota, Matteo Gatto e F&M Ingegneria. Trattasi di un’architettura ideata per mettere in scena, con creatività e innovazione, “la bellezza che unisce le persone”.  A dire di Paolo Glisenti “Il progetto di Ratti, Rota, Gatto e F&M”, Commissario Generale dell’Italia per Expo 2020 Dubai, “ci permette di realizzare uno spazio non solo espositivo ma rappresentativo del migliore ingegno italiano, offrendo una memorabile esperienza ai visitatori, facendo vedere al mondo competenze, talenti e ingegni multidisciplinari che possono diventare promotori di nuove opportunità formative, professionali e imprenditoriali. Il Padiglione Italia è realizzato con il contributo di aziende partner - grandi, medie e piccole - chiamate a fornire le migliori componenti costruttive, impiantistiche, tecnologiche e scenografiche, capaci di dimostrare le competenze più innovative impegnate oggi nella sostenibilità, nell’economia circolare, nell’architettura digitale”. L’Italia all’Expo 2020 Dubai è presente quest’anno con questi settori d’interesse bilaterale di Italia/EAU: nautica, costruzioni, arredo, illuminotecnica; Imprese culturali (spettacolo dal vivo, arti visive, cinema, editoria, musica, stampa, software, videogiochi); industrie creative (fashion design, moda, enogastronomia); patrimonio storico-artistico (musei, biblioteche, archivi, monumenti, aree archeologiche); imprese creative driven (artigianato, manifattura innovativa, web-marketing, professioni creative, content design, food design); benessere e cosmetica; design industriale (design di prodotto, design di sistemi, modellazioni 3D, prototipazione e engineering); Interior design (architettura, ambienti abitativi); design firm (learning experience design, design dei modelli organizzativi e degli spazi lavorativi, IoT); information e communication design (strumenti, canali, linguaggi). Le scuole italiane a Dubai alla prima iniziativa didattica: ISISS Don Milani – Tradate LAUDA Emma; RAVETTI Andrea; Liceo Ling. Pertini – Campobasso  SPINA Chiara; POZZUTO Giuseppe Pio;   Liceo Benedetti Tommaseo – Venezia   GRABELLI Gaia; RIZZI Pietro; Liceo Palumbo – Brindisi  CALÀ SCARCIONE Giulia; SARLI Valentino;  Convitto Naz. Paolo Diacono - Cividale del Friuli IUSSA Chiara; CLAVORA Fabio. E’ strategica la posizione dell’Italia  all’Expo 2020 Dubai, United Arab Emirates. Il Padiglione Italia è collocato tra le aree tematiche “Opportunità” e “Sostenibilità” nel sito di Expo 2020 Dubai in una posizione strategica anche dal punto di vista dei flussi di visitatori. Si prevede un afflusso di oltre 28 mila visitatori al giorno nel Padiglione Italiano, oltre 5 milioni nei sei mesi dell’evento. La prossimità al parco, oltre a rappresentare un forte vantaggio in termini di attrattiva, garantisce anche un’eccellente visione del Padiglione, in quanto non vi sono strutture che ne ostacolano la visuale frontale e laterale. ll Padiglione dell’Italia si trova vicino a quelli di India, Germania, Arabia Saudita, Giappone e Stati Uniti. Quindici regioni italiane, indica la finestra sull’Expo 2020 Dubai,  hanno aderito al progetto del Padiglione Italia a Expo Dubai, una presenza senza precedenti per il nostro Paese in un’Esposizione Universale. Sono protagoniste in decine di eventi nel corso del semestre al via il 1° ottobre e ogni giorno con filmati da Oscar nel percorso espositivo. Il racconto costruito dal regista Gabriele Salvatores con le Regioni partecipanti prevede infatti una serie di contenuti altamente scenografici e d’impatto, visibili in due diverse sezioni: il Belvedere , con proiezioni a 360° dei paesaggi italiani più suggestivi in filmati della durata di 3 minuti in cui verranno rappresentati 3 paesaggi Regionali (naturale, antropizzato e urbano); le Monografie  in bianco e nero, proiettate su uno schermo di 100 metri quadrati e capaci di mostrare al visitatore, con 3 diversi soggetti, il meglio delle competenze e delle eccellenze dei territori. Le Regioni avranno inoltre uno spazio dedicato anche nelle “Short Stories”: una mostra temporanea in cui immagini e oggetti non in movimento, ma disposti all’interno di teche, racconteranno ai visitatori una storia del saper fare e delle maestrie dei territori. “La Campania sarà tra i protagonisti del Sistema Paese all’Esposizione Universale di Dubai, vetrina mondiale di idee, progetti e modelli innovativi”. Il Presidente Vincenzo De Luca indica in questi termini i temi e le modalità della partecipazione della presenza della Regione al Padiglione Italia di Expo Dubai. La Campania all’Expo 2020 Dubai, United Arab Emirates, tra i protagonisti del sistema Paese. Così il Governatore della regione Campani, Vincenzo De Luca, racconta la presenza della nostra regione a Dubai : “Saremo presenti attraverso momenti istituzionali e laboratori culturali con iniziative che per due settimane, una a dicembre 2021 e una a febbraio 2022, avranno come tema il Turismo e Beni Culturali, la Ricerca, l’Innovazione e l’Impresa”, aggiunge De Luca. Svelando i soggetti delle riprese che il Regista Premio Oscar Gabriele Salvatore e le sue troupe stanno realizzando nella Regione per le sezioni Belvedere e Saper Fare del Padiglione Italia, il Presidente afferma: “il Teatro San Carlo, Ravello e la Costiera Amalfitana, e Pompei troveranno spazio nel percorso del Belvedere. Per le Eccellenze Campane che coniugano tradizione e innovazione, il Presepe Artistico Napoletano, la Pasta di Gragnano e Il Cibo dello ‘Spazio’ si inseriranno nella sezione del Saper Fare Italiano”.

Emilio La Greca Romano

 

 

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti