Non prorogato l'incarico di commissario a Biagio Franza alla guida del Consorzio di Bonifica di Paestum

Tutti con Biagio Franza, il commissario che ha ridato prestigio al Consorzio di bonifica di Paestum

Qui l'intervista concessa ad UNICO da Franza in cui esponeva il suo programma d'intervento

Attualità
Cilento martedì 12 giugno 2018
di La Redazione
Biagio Franza
Biagio Franza © Unico settimanale

Intervistammo Biagio Franza nella storica sede del Consozio di Bonifica di Paestum http://www.unicosettimanale.it/news/attualita/5120... . Con lui il direttore generale Guido Contini. Fin da subito diede l’impressione di voler fare sul serio mettendo mano alle “piaghe” che erano state inflitte all'intera macchina organizzativa che garantisce acqua all'agricoltura tramite l’acquedotto rurale e acqua ai cittadini per mezzo dell’acquedotto civile.

Una delle cose dette che mi colpirono fu l’affermazione relativa alla necessità di tagliare gli sprechi e di tirare fuori dai cassetti i progetti redatti dalla struttura tecnica inquadrata nei ruoli dell’ente.

Oltre a ciò, Franza promise che avrebbe dato seguito al recupero dei crediti nei confronti dei consorziati morosi o al taglio della fornitura dei servizi in caso di mancati riscontri.

Nella Città dei Templi e negli altri comuni che hanno interesse all’efficientamento della macchina che è vitale per l’intera economia della piana al di qua del Sele , sono in molti a puntare il dito contro Vincenzo De Luca e Franco Alfieri che pare abbiano individuato un altro commissario, Tonino Pagano, per sostituire Franza., sono in molti a puntare il dito contro Vincenzo De Luca e Franco Alfieri che pare abbiano individuato un altro commissario, Tonino Pagano, per sostituire Franza già dirigente del Genio Civile di Salerno e scelto quale commissario straordinario nel settembre 2016 da De Luca in persona, erano state concesse due ulteriori proroghe, di 6 mesi ciascuna, con il compito di redigere il Piano di classifica ed indire nuove elezioni.

Elezioni che ancora non si sono tenute in quanto c’era da portare a conclusione una disputa su chi avesse diritto di voto e la suddivisione tra le tipologie di consorziati proposta con un ricorso di Ettore Bellelli, candidato presidente, contro il gruppo che aveva gestito il consorzio negli ultimi tempi che faceva riferimento a Vincenzo Fraiese.

A Franza, oltre a decine di attestazioni di stima arrivategli da consorziati e cittadini, si sono espressi per la sua riconferma anche Michele Cammarano, consigliere regionale per il M5*, Renato Josca sindaco di Albanella e lo stesso sindaco di Capaccio Paestum, Franco Palumbo

Lascia il tuo commento
commenti