Nonostante le alghe a Trentova la stagione balneare è pronta a rilanciarsi

Le spiagge ora brillano, ma è emergenza insetti

A preoccupare adesso è la situazione che colpisce la città nelle prime ore della sera: una vera e propria invasione d’insetti

Attualità
Cilento domenica 16 luglio 2017
di Enrico Serrapede
Agropoli © web

Nelle scorse settimane vi avevamo descritto una situazione difficile per le spiagge agropolesi, tartassate dalle ultime mareggiate. A San Marco aveva fatto preoccupare la condizione del bagnasciuga con tanta schiuma venutasi a creare, per molti non in maniera naturale. Ora però l’amministrazione può festeggiare perché dopo un periodo di assestamento adesso la situazione è tornata a splendere con la spiaggia che si è assestata e il mare che è tornato limpido come i tempi migliori. Stesso discorso per il Lido Azzurro, tornato anch’esso a splendere. La prova del nove, a ogni modo, ci sarà alla prossima mareggiata ma per il momento turisti e agropolesi possono godersi le splendide condizioni del mare di Agropoli. Situazione diversa a Trentova dopo le alghe, comunque sinonimo di pulizia del litorale, stazionano ormai da mesi sul bagnasciuga. Difficile rimuoverle ma di fatto creano un forte handicap per tutti i fruitori della spiaggia. Il sindaco Coppola ha annunciato che si provvederà all’installazione di passerelle per facilitare l’ingresso in mare. L’acqua, a ogni modo, rimane cristallina, da cartolina. A preoccupare adesso è la situazione che colpisce la città nelle prime ore della sera: una vera e propria invasione d’insetti. Centro cittadino, zona storica e col tempo piano piano anche le zone limitrofe a quelle principali. In un primo momento si era parlato di blatte ma con molta probabilità si tratta invece di coleotteri che migrano dalle zone terrene in cerca di acqua e umidità. “Abbiamo inviato dei campioni all’istituto zoo profilattico di Portici – ha fatto sapere il primo cittadino Adamo Coppola – adesso attendiamo i risultati per capire quale sia la profilassi più adatta. La prima disinfestazione che abbiamo messo in atto non ha dato i suoi frutti ma comunque ne arriveranno delle altre”. Nonostante l’interessamento speciale dell’amministrazione non smonta la polemica, soprattutto quella dei commercianti del centro stanchi di chiudere in pieno passaggio a causa del disagio. Situazione peggiore per i ristoratori che nei giorni scorsi hanno chiuso baracche e burattini alle ore dieci con i locali pieni. Le ultime polemiche sono rivolte al traffico cittadino: “Agropoli è schiava delle automobili e di moto e motorini che a ogni ora tengono prigioniero il passeggio”, questo è il commento comune che trapela tra i cittadini. A San Marco la situazione peggiore dove la sera, con la complicità del traffico, viene menomato il passeggio. Stesso discorso per la movida di Piazza della Mercanzia, di solito dal primo luglio veniva chiusa al traffico la strada ma quest’anno nulla. Commercianti, anche qui, sul piede di guerra e ancora amministrazione sotto accusa. Adamo Coppola, insomma, ha più di una gatta da pelare, la cittadinanza, invece, spera di vedere delle azioni già da questa settimana.

Lascia il tuo commento