PADULA. Sabato 2 dicembre 2017, ore 18:00, nel salone della sede sociale in Via Tenente D’Amato, verrà presentato il libro di Gina Chiacchiaro e Bartolo Scandizzo “Il Cilento in Australia”.

Presentazione del Libro "Il Cilento in Australia"

“Oltre l'Atlantico vive una numerosa comunità di Cilentani, forse addirittura superiore ai residenti in patria e che popolano rade di mare, creste di colline e cocuzzoli di montagna. Sono l'esercito delle migrazioni bibliche, ...”

Cultura
Cilento giovedì 30 novembre 2017
di La Redazione
Il Cilento in Australia
Il Cilento in Australia © unico

PADULA. Sabato 2 dicembre 2017, ore 18:00, nel salone della sede sociale in Via Tenente D’Amato, verrà presentato il libro di Gina Chiacchiaro e Bartolo Scandizzo “Il Cilento in Australia”.

L’iniziativa culturale è organizzata dal Circolo Sociale Carlo Alberto 1886, in partnership con la BANCA MONTE PRUNO e con il patrocinio del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, della Comunità Montana “Vallo di Diano” e del Comune di Padula.

Dopo i saluti di Felice Tierno, presidente del Circolo Carlo Alberto e di Paolo Imparato, Sindaco della città di Padula, si aprirà il dibattito sul contenuto del testo dei due giornalisti cilentani. A discuterne con gli autori, Gina Chiacchiaro e Bartolo Scandizzo, saranno il prof. Gaetano Ricco, Filosofo e Storico ed Antonella Citro, giornalista che coordinerà i lavori della presentazione. Il volume raccoglie le testimo-nianze di chi è partito dall'amata terra cilentana per costruirsi un futuro oltreoceano.

“Oltre l'Atlantico vive una numerosa comunità di Cilentani, forse addirittura superiore ai residenti in patria e che popolano rade di mare, creste di colline e cocuzzoli di montagna. Sono l'esercito delle migrazioni bibliche, che, a più riprese, nell'ultimo secolo ha abbandonato, con lancinante nostalgia, il paese sfiorando, a tenera carezza, con gli occhi tremuli di pianto la piazza, la chiesa, il campanile, il camposanto ed ha corso l'avventura verso l'ignoto. Hanno lavorato sodo nelle periferie malsane delle metropoli o nelle campagne delle fazende, ingoiando mortificazioni e soprusi, che ne ferivano nel profondo la dignità. Molti ce l'hanno fatta e si sono imposti nei paesi d'accoglienza con forza di volontà, intraprendenza e professionalità. Tanti hanno fallito e sono tornati stanchi, demotivati e sconfitti ai paesi d'origine. Alcuni ci hanno rimesso la vita e sono morti tra gli stenti e l'anonimato con occhio acceso alle povere croci arrugginite di lontani cimiteri assolati………...”. Prefazione di Giuseppe Liuccio.

E’ gradita l’occasione per un cordiale saluto.

Il Presidente, Felice Tierno.

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette