Anche gli sponsor abbandonano la trasmissione

Codacons chiede la chiusura del Grande Fratello: "Un circo degli orrori"

Con un comunicato inviato a Mediaset l'associazione per i diritti dei consumatori ha esposto le sue ragioni ma intanto il programma frantuma record di ascolti

Spettacolo
Cilento martedì 15 maggio 2018
di Enrico Serrapede
Grande Fratello 15
Grande Fratello 15 © n.c.

Parole forti quelle del Codacons nei confronti dell'edizione 2018 del Grande Fratello, l'Associazione per la tutela dei diritti dei consumatori ha infatti chiesto l'immediata chiusura del programma ritenuto "Un circo degli orrori". "Mai la tv italiana aveva raggiunto livelli di trash così elevati, non si possono accettare spettacoli così aberranti". Una critica forte alla trasmissione e ai suoi autori, accusati di aver scelto "personaggi sopra le righe che sembrano mostrare disagi psicologici, le cui debolezze vengono così sfruttate ai fini di audience".

Le inevitabili conseguenze, secondo il Codacons, sono i contenuti del reality: "Volgarità di ogni tipo, aggressioni verbali continue, personaggi borderline e storie d'amore confezionate a uso e consumo delle telecamere, che rendono il programma una discarica televisiva ed un pessimo esempio per il pubblico più giovane". Da qui la richiesta ufficiale, inoltrata a Mediaset, di sospendere il Grande Fratello: «Serve un passo indietro, nell'interesse dei telespettatori".

Sarà pure l’edizione dei grandi ascolti – le ultime due puntate hanno conquistato oltre quattro milioni di telespettatori, con punte del 30% di share. Battendo anche la fiction su Aldo Moro nel quarantennale della sua uccisione – ma il Grande Fratello 15 sta indubbiamente provocando imbarazzo a Mediaset, per una deriva trash che sta facendo addirittura scappare gli investitori. Dopo gli episodi di bullismo – e non solo – di queste settimane, molti sponsor sono infatti in fuga, con un effetto domino che sta letteralmente svuotando la casa: gli inquilini non hanno più a disposizione l’acqua in bottiglia, dopo il dietrofront di Santa Croce, sono spariti gli insaccati Beretta, i costumi da bagno della Giorgio Srl che venivano indossati sotto la doccia, gli shampoo di Screen HairCare, i prodotti di make-up BellaOggi e perfino la console Nintendo, per citare solo alcuni dei brand che hanno deciso di tirarsi indietro, dissociandosi "dagli eventi e dai messaggi negativi comunicati attraverso il comportamento di alcuni concorrenti" e "dai gravi atti di bullismo e mancanza di rispetto nei confronti delle donne", perché "rimanere immobili e silenti di fronte a tali gesti alimenterebbe l’indifferenza nella quale si perpetrano determinati comportamenti insani", si legge nei comunicati con i quali le varie aziende hanno annunciato la decisione di ritirare i propri prodotti.

Proprio la settimana scorsa, infine, la conduttrice Barbara D'Urso aveva così commentato dopo i picchi di ascolto in concomitanza con la fiction in memoria di Aldo Moro: "Anche la quarta puntata del Grande Fratello fa il botto e vince la serata! 23.90% di share e oltre 4 milioni di spettatori, picchi del 39% di share e di quasi 6 milioni di spettatori!". Nelle ultime ore, invece, Alfonso Signorini ha così commentato la conduttrice e l'ultima edizione del GF: “Una stakanovista eccezionale e un animale da telecamera – ha sentenziato su “Chi” - Però non mi piace il finto moralismo. Il suo Grande Fratello sta battendo tutti i record del trash”.

Lascia il tuo commento
commenti