Tradizione e storia di una grande imprenditrice

Le Delizie di Maria

Storia di una grande imprenditrice, mai arresasi durante il proprio percorso, supportata dai propri familiari, Maria Carmela D’Angelo ci svela alcuni punti della sua carriera che hanno fatto sì che diventasse quello che è oggi.

Cultura
Cilento venerdì 13 marzo 2020
di Fabiola Scorziello
Maria Carmela D'Angelo
Maria Carmela D'Angelo © Unico

Le Delizie di Maria, biscotteria e pasticceria conosciuta in tutto il territorio, nasconde dietro di sé la storia di una grande imprenditrice: la titolare Maria Carmela D'Angelo aiutata e supportata dal fratello Luciano D'Angelo.

Con la sua collaborazione, a pochi mesi dall’apertura del nuovo stabilimento in località Fonte di Roccadaspide, dopo quattordici anni di lavoro, studio e sacrificio nel vecchio stabilimento, andiamo a conoscere la sua storia da vicino e a scoprire molte novità che nel prossimo mese saranno realizzate.

Storia di una grande imprenditrice, mai arresasi durante il proprio percorso, supportata dai propri familiari, Maria Carmela D’Angelo ci svela alcuni punti della sua carriera che hanno fatto sì che diventasse quello che è oggi.

La sua carriera ha avuto inizio molti anni fa. Quando e come ha iniziato?

Ho iniziato nel 2002. La mia idea l'ho presa da mia nonna che era pasticciera ed ho seguito un po’ le sue orme. Siamo una famiglia di pasticcieri, non a caso anche mia zia è pasticciera.

Cosa l'ha spronata ad essere conosciuta in tutto il territorio?

Per prima cosa è la mia costanza, poi ho creduto moltissimo in tutto ciò che ogni giorno stavo realizzando e che vedevo crescere con successo, perciò oggi giorno sono fieramente conosciuta in tutto il territorio. Avendo due figli che mi hanno incoraggiata e anche mio fratello Luciano, ho cercato di andare avanti anche con grossi sacrifici e incontrando anche tante difficoltà, però visto che a me questo lavoro piace tantissimo non ho mai dato molta importanza né alle difficoltà né agli ostacoli.

Delle differenze tra il nuovo e il vecchio stabilimento?

Il nuovo stabilimento ci ha permesso di trovare altri sbocchi, altri canali che lì sopra dove stavamo prima nel vecchio stabilimento non avevamo perché gli spazi erano molto limitati. La grande soddisfazione del nuovo stabilimento è che ci ha fatto prendere visione su tanti altri prodotti che stiamo realizzando, abbiamo una vetrina, a differenza di prima, che permette ai nostri clienti di passare ad ogni ora della giornata e poter degustare i nostri prodotti.

Ci sono delle differenze che nota dai suoi primi anni di carriera ad oggi?

Le differenze le noto e sono anche molte. Il cambio di stabilimento può già essere una differenza che risulta sotto gli occhi di tutti. Già in questo territorio che presiedo adesso, c’è un'altra visibilità e per me è già stato diverso avere un approccio con il pubblico.

I suoi punti di forza?

Noi siamo nati come biscotteria da thè che continua ad essere il nostro punto di forza.

Quali sono gli obiettivi che ha intenzione di realizzare nei prossimi anni?

Non ho obiettivi totalmente differenti da quelli già raggiunti, ma spero solo di poter far raddoppiare tutto ciò che già è visibile a tutti, ovvero il nuovo stabilimento.

Riguardo gli obiettivi già raggiunti, un pensiero o un parere che lei ha.

Io sono molto soddisfatta, poi essendo una zona che non offre chissà quanto, potendo dare il tanto lavoro a così tante persone per me è una grossa soddisfazione.

Quanti operai conta la sua azienda?

Adesso siamo in quattordici.

Le sue ricette sono totalmente realizzate da lei, oppure no?

Sono ricette che mi ha tramandato la mia nonna, ed altre invece sono create da me e anche da Anita, mia figlia.

Può rilasciare una ricetta dei suoi dolci?

Si certamente, darei una ricetta molto semplice.

Un frollino per la prima colazione “

1 Kg di farina, 500 grammi di margarina, tre tuorli d'uovo, una grattugiata di limone, vanillina e aggiungerei anche delle gocce di cioccolato.

Vuole dare un messaggio per tutte le donne che vogliono intraprendere la carriera di imprenditrice?

Non si devono mai scoraggiare, devono guardare sempre avanti e essere anche costanti nel lavoro con loro stesse.

Dopo aver risposto a tutte le domande, vuole rilasciate una novità che sarà messa in atto dal mese di Aprile.

La novità che partirà dal mese di Aprile sarà la nostra pausa pranzo. Avremo la possibilità di servire una pausa pranzo a tutti coloro che passeranno con ricette della nonna, pizze a teglia, focacce.”

Inoltre ci invita a passare per la vetrina di Pasqua che a breve sarà allestita con uova Pasquali, colombe e pastiere come da tradizione.


Fabiola Scorziello



Lascia il tuo commento
commenti
I commenti degli utenti
  • Vanda Riccio Scorziello ha scritto il 15 marzo 2020 alle 11:20 :

    bene e auguri Signora Maria.Lei è un bell'esempio anche per le altre donne Rispondi a Vanda Riccio Scorziello