L'imprenditore Aldo Chiavari, 76 anni (Tolentino - Macerata), «Per la sensibilità e la generosità con cui ha sostenuto due dipendenti duramente provati dalla malattia e dalla successiva scomparsa della figlia».

Chi sono i 33 eroi premiati da Mattarella

Il medico Vincenzo Castelli, 63 anni (Roma), «Per il suo quotidiano impegno nella divulgazione e promozione della cultura dell'emergenza e del primo soccorso».

I Piccoli
Cilento giovedì 02 maggio 2019
di La Redazione
Sergio Mattarella
Sergio Mattarella © n. c.

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha conferito, motu proprio, trentatré onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadine e cittadini che si sono distinti per atti di eroismo, per l'impegno nella solidarietà, nel soccorso, per l'attività in favore dell'inclusione sociale, nella cooperazione internazionale, nella tutela dei minori, nella promozione della cultura e della legalità. La consegna delle onorificenze avverrà nel 2019.

L'imprenditore Aldo Chiavari, 76 anni (Tolentino - Macerata), «Per la sensibilità e la generosità con cui ha sostenuto due dipendenti duramente provati dalla malattia e dalla successiva scomparsa della figlia».

Il medico Vincenzo Castelli, 63 anni (Roma), «Per il suo quotidiano impegno nella divulgazione e promozione della cultura dell'emergenza e del primo soccorso».

La pendolare Maria Rosaria Coppola, 62 anni (Napoli), «Per il coraggio e lo spirito di iniziativa con cui ha pubblicamente difeso un giovane straniero vittima di una aggressione razzista».

L'immigrato Mustapha El Aoudi, 40 anni (Crotone), «Per il coraggio e l'altruismo con cui, a proprio rischio, è intervenuto in difesa di una donna violentemente aggredita».

Il disabile Iacopo Melio, 26 anni (Pisa), «Per il suo appassionato contributo alla causa dell'abbattimento delle barriere architettoniche e degli stereotipi culturali».

Il sacerdote Don Eugenio Renzo Zocca, 75 anni (Settimo di Pescantina - Verona), «Per la dedizione e il quotidiano impegno a favore di anziani in condizioni di disagio economico e sociale».

Maria Tiziana Andriani, 56 anni (Roma), «Per la professionalità e l'umanità con cui è impegnata nella lotta al cancro nei Paesi africani».

Vito Massimo Catania, 39 anni (Regalbuto - Enna), «Per il suo generoso impegno nella sensibilizzazione sul tema delle barriere architettoniche e sociali».

Fabio Caramel, 26 anni (Marcon - Venezia), «Per aver testimoniato in prima persona il valore e la responsabilità della scelta di donare il midollo».

Roberto Luigi Giuseppe Crippa, 51 anni e Luisa Fricchione, 57 anni (Tione - Trento), «Per lo straordinario esempio di generosità e solidarietà che li ha visti adottare otto giovani etiopi rimasti orfani inseguito alla guerra civile».

Antonio La Cava, 73 anni (Matera), «Per l'impegno profuso, nel corso della sua vita, nella promozione del valore della cultura».

Roberta Leporati, 52 anni (Martina Franca - Taranto), «Per il suo contributo nella formazione delle giovani generazioni e a favore della promozione della cultura».

Ilaria Galbusera, 27 anni (Bergamo), «Per l'impegno e la passione con cui fa dello sport uno strumento di conoscenza e inclusione delle diversità».

Germana Giacomelli, 71 anni (Craviana - Mantova), «Per aver dedicato tutta la sua vita all'accoglienza e all'inclusione di minori in condizioni di disagio e di abbandono».

Irma Dall'Armellina, 93 anni (Noventa Vicentina - Vicenza), «Per l'eccezionale prova di altruismo con cui ha prestato il proprio servizio in qualità di volontaria in una missione umanitaria in Kenya».

Carmen Isabel Fernandez Reveles, 60 anni (Milano), «In qualità di Presidente di EMDR, per l'opera di sostegno psicologico che i professionisti dell'associazione, offrono, a titolo volontario, alle vittime e testimoni di eventi traumatici».

Nilo Mattugini, 65 anni e Simonetta Stefanini, 60 anni (Lido di Camaiore - Lucca), «Per l'esempio di accoglienza e disponibilità offerti in tema di tutela dell'infanzia».

Claudio Madau, 37 anni (Oristano), «Per la sua preziosa iniziativa a supporto della condizione dei malati durante la degenza ospedaliera».

Davide Monticolo, 45 anni (Trieste), «Per la sua generosa attività di sensibilizzazione e di sostegno a favore di persone con disabilità».

Roberto Morgantini, 71 anni (Bologna), «Per il suo prezioso contributo alla promozione di una società solidale e inclusiva».

Massimiliano Sechi, 32 anni (Sassari), «Per il suo encomiabile esempio di reazione alle avversità, spirito costruttivo e impegno sociale».

Rebecca Jean Spitzmiller, 62 anni (Roma), «Per il suo coinvolgente impegno nella lotta contro il degrado urbano e nella difesa dei beni comuni».

Marco Ranieri, 38 anni (Bari), «Per l'appassionato impegno nel recupero e redistribuzione degli alimenti e nella promozione dell'educazione contro lo spreco».

Roxana Roman, 34 anni (Roma), «Per il suo contributo nell'affermazione del valore della legalità».

Riccardo Muci, 31 anni (Copertino - Lecce), «Per il coraggio e l'altruismo con cui, senza esitazione, si è adoperato per prestare soccorso in occasione dell'incidente del 6 agosto sul raccordo autostradale di Casalecchio».

Marco Omizzolo, 43 anni (Sabaudia - Latina), «Per la sua coraggiosa opera indifesa della legalità attraverso il contrasto al fenomeno del caporalato».

Rosella Tonti, 51 anni (Norcia), «Per la professionalità e l'umanità con cui si è spesa per garantire il regolare svolgimento dell'attività scolastica e la coesione della comunità locale a seguito del sisma del 2016».

Igor Trocchia, 46 anni (Bergamo), «Per il suo esempio e la sua determinazione nel rifiuto e contrasto a manifestazioni di carattere razzista».

Suor Elvira Tutolo, 69 anni (Termoli - Campobasso), «Per il suo impegno in ambito internazionale nella difesa e recupero dei bambini e ragazzi di strada».

Annalisa Ubertoni, 56 anni (Treia - Macerata), «Per l'esemplare contributo a favore di una politica di pacifica convivenza e piena integrazione».

Carlo Vettorato, 71 anni (Aosta), «Per il suo prezioso contributo nella ideazione e realizzazione dell'attività di elisoccorso in Valle d'Aosta e nella se sibilizzazione sul tema della sicurezza in montagna».

Lascia il tuo commento
commenti