Inaugurazione sabato 21 maggio 2022 alle ore 11 al liceo Tasso di Agropoli

Il “Mare senza orizzonti” di Marco Vecchio

"Respiro la leggerezza dell'essere"

Cultura
Cilento giovedì 12 maggio 2022
di moncil
Il “Mare senza orizzonti” di Marco Vecchio
Il “Mare senza orizzonti” di Marco Vecchio © Unico Settimanale

Un mare senza orizzonte, esteso come il suo cielo! Due abissi nei quali perdersi, voragine e infinito, il mondo fluttuante di Biagio! Le sue parole incontrano le nuvole, interrogano il mistero insondabile, l'azzurro! Ho provato a dipingere il suo cielo con tutte le figure che lo popolano, i volti sacri, qull'angelo oracolo, gli uccelli e tutti gli archetipi del nostro esistere! Ho dipinto un tuffatore rosso che si tuffa tra le nuvole, invertendo la sua rotta, perché il suo nome è legato all'aria! Le case, i tetti sprofondati nel blu cobalto e poi la musica! Uno sciame di note, sospese tra le rondini, un trombettista seduto su di una nuvola rosa, e quel gabbiano argento che porta il suono delle bacchette nel vento , un messaggero,  forse il volo di Biagio stesso dentro il suo sogno..  Come i suoi bellissimi versi: " Respiro la leggerezza dell'essere."

Lascia il tuo commento
commenti