Archivio storico/ Anno 2000/ Novembre

Ancora interrotta la SS 488 a Stio

Disagi per la popolazione

Archivio storico
Cilento domenica 15 maggio 2022
di Annavelia Salerno
Stio
Stio © Web

La Valle del Calore è un'area ricca di risorse soprattutto naturalistiche, talvolta sconosciute o ignorate da gran parte degli stessi abitanti, e questo va attribuito al fatto che non si è riusciti a creare un canale di comunicazione effettivamente efficace che leghi tra loro le realtà esistenti. Spesso si ignorano non solo le potenzialità e le bellezze paesaggistiche ma anche le problematiche legate, ad esempio, al grave dissesto idrogeologico che vivono le zone del cuore del Cilento. A questo proposito particolare attenzione merita la questione riguardante la chiusura della strada statale 488 che risale al 10/04/00 a causa di una frana avvenuta a Stio Cilento, in località Retara. Da circa quattro anni, infatti, la zona, già definita a rischio di frane dalle autorità competenti, è stata soggetta a diversi smottamenti che con il tempo hanno provocato la distruzione di un tratto di strada, rendendone impossibile il transito. Ogni volta, per riattivare la circolazione, è stata costruita una stradina provvisoria che, come era facilmente prevedibile, non ha mai retto a lungo: quindi, specialmente ora che giunge l'inverno, e si preannuncia abbastanza piovoso, occorre premunirsi con interventi più seri. Gli abitanti di Stio, Magliano e Monteforte sono infatti costretti a percorrere la strada provinciale 47 , che attraverso i comuni di Gioi, Cardile e Moio della Civitella, conduce a Vallo, ma ciò comporta non lievi disagi a chi è costretto a percorrerla innanzitutto sia perché è stretta e tortuosa, e sia perché si impiegano ben 40 minuti in più rispetto a quanto si impiegherebbe percorrendo la SS 488. Così le popolazioni interessate si sono trovate e sono tuttora più lontane da Vallo, che è il loro centro di riferimento in quanto provvisto di ospedale e relativo pronto soccorso, e di altri servizi necessari. E pensare che Stio dista da Vallo appena 16 km!! Questo, dunque, rappresenta un grave problema di viabilità nel Cilento, che richiederebbe un intervento urgente e definitivo, da una prima riunione svoltasi nell'aula consiliare di Stio nell'aprile scorso tra i sindaci dei comuni interessati, un rappresentante della prefettura di Salerno e l'Anas, non è scaturito niente di costruttivo. E senza esito positivo si sono conclusi altri due convegni, uno presso la Prefettura di Salerno e un altro nella sede del Bacino Interregionale di Napoli. C'è da temere che passerà un altro inverno prima che si prenda veramente in considerazione la gravità del problema.

Lascia il tuo commento
commenti