Ha i presupposti per svilupparsi con una sua forte identità

Salento: un accogliente paese del Cilento che merita un nome non pugliese

Salento non è in Puglia.

Attualità
Cilento domenica 04 novembre 2018
di Marisa Russo
Campanile di Salento
Campanile di Salento © Unico

Salendo, con un solo cambio di una consonante, trova la sua particolare identità richiamando alla sua posizione naturale in collina, alla sua possibilità di sviluppo economico recuperando le migliori attrattive della tradizione.

Logo il suo stupendo campanile che invita a guardare in “salita”!!

Circondato da verdi ulivi “salella”, dona quella pace che tali alberi annunciano. Tra stradine in pietra, cunicoli, antichi palazzi, portali d’epoca riconduce a tempi trascorsi da cui prendere i migliori valori, come l’inserimento nella Natura, la tranquillità, il silenzio, e tante calde tradizioni. Ispirati forse dalla dolce atmosfera questo luogo ha una tradizione culinaria particolarmente specializzata in dolci, si possono gustare dagli “struffoloni” ai “scauratieddi” al miele e rosmarino, e a tante altre prelibatezze gastronomiche.

Inevitabile quindi un appuntamento annuale dedicato alla poesia!

Originale anche la sua Sagra della castagna, organizzata dalla Pro Loco, Presidente Pasquale Lisi, che ebbe inizio per celebrare San Gerardo nel giorno della sua ricorrenza il 16 ottobre.

Il Santo lucano ricorda l’identità lucana del Cilento.

Essendo il mese delle castagne fu spontaneo celebrarlo con caldarroste, evidenziando anche il rosso calore delle fiamme ardenti come la fede, giustamente di nessuna importanza il fatto che in zona di castagni ce ne fossero pochi.

Il Santo Protettore dei ragazzi simbolicamente sembra richiami con le castagne all’importanza di evidenziare il “buono” da trovare in ogni ragazzo, al di là dell’esterno “spinoso”!Fu anche preparato un grande aggeggio rotante per abbrustolirle, che, tuttora in funzione alla sagra, dovrebbe essere maggiormente evidenziato, partendo da esso ogni “scintilla” della organizzazione.. Il Santo fece il miracolo di riempire la dispensa di cibo e tanti sono i ragazzi che si impegnano nell’allestire gli stands e preparare gastronomia, colpisce favorevolmente questa intrigante combinazione! Laureati, studenti universitari, tornando dalle vari sedi di lavoro o studio si riuniscono nel loro paese per questo evento e fanno sperare possano tornare per uno sviluppo economico del luogo, restaurando gli antichi palazzi, richiamando con iniziative agricole con tecniche innovative, con richiami turistici alternativi.

Il Sindaco de Marco entusiasta ha ottenuto dei finanziamenti che impegnerà per questo suo paese.

Tanti i richiami simbolici, le caratteristiche di questo luogo che riconducono a valori ed atmosfere che dovrebbero essere maggiormente evidenziate e sviluppate!

Lascia il tuo commento
commenti
Le più commentate
Le più lette