7^ tappa

Il Cammino del Parco

Padula – Sanza 28 agosto 2021

Il cammino del parco
Cilento giovedì 28 ottobre 2021
di Bartolo Scandizzo
Settima Tappa
Settima Tappa © Unico Settimanale

Camminare senza badare alla fatica sembra naturale farlo in compagnia con le mie compagne di viaggio che, nonostante alcuni problemini ai piedi, non danno cenni di voler rallentare il passo. Anzi, le vedo determinate a battere tutti i "record" realizzati finora. Ci incamminiamo verso Sud in direzione di Buonabitacolo. Superiamo in senso contrario la SS 19 e ci inoltriamo sulle stradine secondarie situare a ridosso del lato Nord del massiccio del monte Cervati. Opifici e fattorie si alternano in questo tratto di Vallo a dimostrazione dello spirito imprenditoriale di quest'area. Arriviamo alla chiesetta di Sant'Antonio situata all'ingresso del centro abitato e facciamo una sosta per entrarvi e rendere onore agli affreschi che custodisce all'interno.

Proseguiamo per il centro storico, parliamo con le persone che escono dalla messa domenicale, ci sediamo con degli anziani che ci salutano e ci interrogano con affabile gentilezza, passiamo per piazze e vie ben tenute, infine risaliamo al ristorante "il mulino" dove ci aspetta un ricco buffet che ci ricarica le "pile".

Ripartiamo per Sanza senza troppo indugiare a considerare la possibilità di poter essere sorpresi dai preannunciati temporali. Ci fermiamo di fronte al Cippo che segna il luogo dove Pisacane fu ucciso con i suoi valorosi compagni senza combattere: di fronte a loro non c'erano i soldati borbonici ma miseri contadini con falce e zappe aizzati contro di loro dal clero. Non vollero uccidere nessuno di quelli che erano venuti a "liberare"!

Entrati in paese ci facciamo indicare il B&B Casa De Benedictis situato nel centro storico dove ci aspetta la mamma di Giuseppe. Dopo il meritato riposo decidiamo di andare a vedere il mare ... ci fermiano a Casaletto Spartano per ammirare l'oasi de' "I Capelli di Venere" e poi puntiamo su Scario, un borgo marinaro situato nel comune di San Giovanni a Piro. La scelta si rivela giusta in quanto è sempre festa in un borgo invaso da turisti. Dopo una passeggiata sul lungomare, ci sediamo ad un tavolo del ristorante l'Incontro e ci gustiamo una cena a base di pesce.

Lascia il tuo commento
commenti