Capaccio

I pensieri, anche quelli più neri, stanotte non contano se guardo la luna al buio, qui a Capodifiume

SERGIO VECCHIO Storie di arte e di vita
Cilento - venerdì 31 gennaio 2020
Sergio Vecchio
Sergio Vecchio © Unico

Capaccio è un dialetto di pietre metriche e di rughe, di case grigie, un campanile di storie di affetti di progetti negati, di croci e di favole da custodire. E’ il luogo d’incontro per inventare altre stazioni, Capaccio, di ciò che ancora rimane è il cimitero delle mie illusioni, un camino di brace, la fantasia di chi intende offrire ai bambini il piacere di vivere e la fatica della memoria.

I pensieri, anche quelli più neri, stanotte non contano se guardo la luna al buio, qui a Capodifiume. Dimentico i guai, le amarezze, i torti subiti e le inutili attese se osservo tra la nebbia del fiume e il nero misterioso delle montane lassù in alto, la Madonna del Granato. Se fossi un bravo pittore (e talvolta lo sono) dipingerei il buio senza tempo di questa notte, il rumore dell’acqua, il silenzio del fiume e l’accecante luce del santuario. Il risultato sarebbe sublime, se riuscissi nell’ impresa. Umilmente ci provo: chissà se un giorno riuscirò nell’ intento ? Intanto mi godo questa notte d’incanto, è inverno, non sono triste, è già tanto, ho tante altre notti da consumare istante per istante, non è poco, in attesa di tempi migliori.

Lascia il tuo commento
commenti
Altri articoli
Gli articoli più letti