Natale a Roma pensanno a lo Ciliento

Poesia tratta da Giuseppe Liuccio - "IENESTRE, CERASA E VASI" - Galzerano Editore

LIUCCIO GIUSEPPINO I Viaggi del Poeta
Cilento - venerdì 21 dicembre 2018
Presepe e zampognari
Presepe e zampognari © n. c.

La poesia che segue mette a confronto atmosfere, sentimenti ed emozioni tra il Natale in una grande città come Roma ed il mio paese di nascita, Trentinara, dove tutto è più immediato e genuino.

Buone Feste a tutti!


Maronna ra che tiempo ca no beo

Li zampognari ca no poco brilli

Girano pe le case a lo paese

Ddò mbacci lo presepio sò arrunate

le famiglie co tanta criature.

La ciaramedda ntona lemme lemme:

“Quanno nascette Ninno a Bettelemme.

Li viecchi se caglientano a lo fuoco

Ddò vruscia e scppetteia lo ceppone,

na rareca re cerza ancora verde

Ra le strade responneno ntrunanno

Li tric trac co le botte a muro

E tremano le lastre a la funestra.

Tutt’attuorno nc’è l’aria re la festa

Chè la chiù bella festa, chera re Natale

Pur’a Roma ddò campo ra tant’anni

se sente attuorno l’aria re Natale.

L’arbori pe le strati so annuccati

co luci ca me pareno brillanti

E a li negozi addò se venne tutto

pencolano ra le vetrine palle r’oro.

Co lo cappieddo a sguincio e la mantella

Lo zampognaro co la ciaramella

Sona pe no momento e passa appriesso

Belle le luci, l’arbori appicciati

Ma è tutto finto pure le zampogne

Annuccate co le zarredde rosse

So belle ra verè ma senza core.

Vuò mette lo Natale a lo paese

Ca quanno sonano li zampognari

Na rocchia re uagliuni vano appriesso.

Zi’ Minico ca uarda e ca peppeia,

zia Ntonia ca s’arranza ra la porta

morta re friddo e co no sciallo ncuoddo

però è cuntenta e scugnata rire.


(Tratta da Giuseppe Liuccio - "IENESTRE, CERASA E VASI" - Galzerano Editore)